Il mito del morbo di Alzheimer!

4.9/5 - (47 votes)

Il morbo di Alzheimer continua ad attirare l’attenzione! Ma di cosa si tratta esattamente? Pronti a saperne di più su questa malattia? Questo è il posto giusto!

 

Cos’è il morbo di Alzheimer?

 

Il morbo di Alzheimer è una patologia che può colpire numerosi pazienti anziani. Fa parte delle cosiddette malattie neurodegenerative. Le cellule cerebrali si deteriorano irreversibilmente e spesso è difficile sapere cosa fare in questi casi. Si tratta di una malattia che colpisce il cervello, la memoria, il linguaggio, ma anche il riconoscimento di luoghi e persone.

 

Quali sono i sintomi del morbo di Alzheimer?

Il morbo di Alzheimer, come molte malattie, si manifesta con alcuni sintomi. Eccone una lista:

  • I problemi di memoria sono i primi sintomi che possono essere individuati.
  • Col tempo, la persona può dimenticare le persone che le sono vicine. Inoltre, potrebbe avere difficoltà a trovare le parole che ha sempre usato nella vita quotidiana.
  • La persona con il morbo di Alzheimer può essere aggressiva a seconda delle situazioni in cui si trova.
  • Potrebbe perdere le sue capacità fisiche e mentali.

La malattia si sviluppa in modo diverso a seconda della persona e della sua età.

Quali sono le cause del morbo di Alzheimer?

 

È difficile conoscere il perché la malattia di Alzheimer colpisca così tante persone. Ma è importante ricordare che le cause più comuni sono:

  • Predisposizione genetica.
  • Invecchiamento.
  • Pressione alta.
  • Valori elevati di colesterolo.
  • Diabete di tipo 2.
  • Fumo.

 

Come trattare questa malattia?

 

Sebbene il morbo di Alzheimer sia irreversibile, esistono alcuni trattamenti che possono limitarne e/o rallentarne i sintomi:

  • Terapie farmacologiche: non sempre vengono prescritte perché possono avere molti effetti collaterali per il paziente.
  • Terapie non farmacologiche: ne esistono diverse, quello che vi proponiamo oggi è l’applicazione Sofia. Si tratta di una soluzione ludica e culturale per allenare la memoria divertendosi.
  • Terapie psicosociali: disponibili soprattutto nelle strutture di day hospital.
  • Sostegno ai pazienti e alle loro famiglie.

 

Si tratta di un mito?

 

Molti ricercatori si chiedono se questa malattia esista davvero. Infatti, i pazienti non presentano mai gli stessi sintomi o gli stessi percorsi. Anche l’evoluzione della malattia è abbastanza diversa tra un paziente e l’altro, e non se ne capiscono le ragioni. Inoltre l’imaging cerebrale non è in grado di fare chiarezza su diversi aspetti. Di conseguenza, c’è molta incertezza riguardo il morbo di Alzheimer!

Sentiamo parlare di questa patologia da tanti anni. Ma è importante ricordare che la ricerca recente non è stata in grado di diagnosticare realmente la malattia. Cosa ne pensate?

 

SOFIA, la vostra coach di memoria

 

Sofia é un’applicazione adattata alle persone con Alzheimer. Nell’applicazione ci sono più di 30 attività semplici e adattate per lavorare sull’insieme delle funzioni cognitive come memoria, attenzione, linguaggio e molto altro. 

SOFIA, la vostra coach di memoria

sofia-giochidimemoria-alzheimers-anziani

Accompagnare una persona con Alzheimer

tabella-alzheimer-sofia-memoria-stimolazione-cognitiva-giochi-anziani

Stimolare la memoria ed essere monitorati a distanza da un coach per l’allenamento della memoria

Avete la possibilità di essere seguiti a distanza da un coach della memoria, che vi fornirà le strategie da attuare in base alle vostre esigenze e alle funzioni cognitive che desiderate migliorare (attenzione, memoria, linguaggio, ecc.).

Il coach vi accompagna a distanza per 1 ora via video. Avrete lo stesso allenatore che vi seguirà sessione dopo sessione. Durante il coaching, utilizzerà le applicazioni ROBERTO e SOFIA, consigliandovi i giochi migliori per il vostro obiettivo e fornendovi le strategie da attuare.

Si raccomanda di effettuare l’allenamento della memoria una volta al trimestre e di eseguire, tra una sessione e l’altra, gli esercizi consigliati sulle applicazioni ROBERTO e SOFIA.

Il coaching dura 1 ora in video e può essere prenotato da :

  • Persone che desiderano un supporto nell’utilizzo dei nostri programmi: allenarsi a casa da soli può essere difficile. Si può perdere la motivazione se non si ha nessuno con cui giocare. A volte un parente può avviare attività di stimolazione cognitiva, ma è necessario avere pazienza e un estraneo può essere più facile.
  • Persone che sono seguite da professionisti della salute ma che svolgono attività anche a casa: tra una seduta e l’altra con il professionista, ci si può allenare a casa. L’allenatore della memoria può consigliarvi i giochi più adatti alle vostre esigenze.
coaching personalizzato_2
  • Persone in attesa di iniziare un trattamento : i tempi di attesa per un appuntamento con un logopedista possono essere molto lunghi. Durante l’attesa, potrete iniziare il training cognitivo ed essere seguiti da uno dei nostri memory coach per eseguire insieme gli esercizi cognitivi.

Se voi o i vostri cari avete problemi cognitivi o fragilità, è importante essere monitorati da un medico o da un operatore sanitario. Il coaching è uno strumento che accompagna l’uso dei programmi di brain training su tablet. Non sostituisce una valutazione logopedica. Se state utilizzando i nostri programmi a causa di una malattia, parlatene con il vostro medico.

icona_tempo

Un appuntamento veloce

icona_casa<br />

Senza uscire di casa

icona_consiglio

Consulenza su misura per le vostre esigenze

Altri articoli che potrebbero interessarvi:

Ottimizzato da Optimole