Intervista alla Dottoressa Giusi Ciccolella

5/5 - (2 votes)
I professionisti sanitari e socio-assistenziali hanno sempre avuto un ruolo importante nella nostra società in quanto aiutano le persone più fragili. In seguito alla pandemia dovuta al Covid ci siamo resi conto di come queste figure non siano solo importanti, ma indispensabili.

I media si sono focalizzati sui professionisti che lavorano negli ospedali in quanto attivi nel centro della pandemia. Non dobbiamo però dimenticare anche tutti i professionisti che accompagnano le persone con delle terapie a domicilio o negli studi professionali.

I terapisti hanno dovuto reinventarsi per continuare a seguire i loro pazienti, offrigli tutti gli strumenti per ritrovare delle competenze perse e per accompagnarli nel loro percorso. Il tutto a distanza.

 

Dottoressa Giusi Ciccolella

 

Dynseo é attento a tutti i professionisti sanitari. Per dare luce e voce a questa categoria di professionisti abbiamo intervistato la Dottoressa Giusi Ciccolella, un’educatrice professionale.

Scoprite la nostra intervista!

 

Lei é un’educatrice professionale, ma chi é l’educatore professionale ?

 

L’educatore professionale è un operatore socio-sanitario o socio-pedagogico, che attua specifici progetti educativi e riabilitativi. Questi sono mirati a uno sviluppo equilibrato della personalità. L’educatore professionale è un esperto della relazione d’aiuto. L’EP si occupa del presente, partendo dalle risorse della persona per affrontare e gestire i suoi limiti e le sue vulnerabilità. Si occupa del presente per progettare il futuro.

L’educatore professionale può lavorare in svariati ambiti: minori, anziani, disturbi cognitivi, dipendenze, disturbi psichiatrici, disabilità, prevenzione. Questa figura professionale aiuta le persone ad aumentare la consapevolezza del proprio mondo interiore, dei propri comportamenti, delle proprie risorse e delle proprie vulnerabilità. Tutto questo porta ad un processo di crescita personale, per migliorare l’autostima e il proprio senso di autoefficacia. In altre parole l’educatore professionale aiuta le persone a migliorare il loro benessere e la loro qualità di vita.

 

Con quale tipo di pazienti lavora ?

 

Io sono sia un’educatrice socio-sanitaria che socio-pedagogica. Attualmente lavoro con pazienti anziani, con pazienti con decadimento cognitivo e con pazienti con fragilità psichiatriche. Nello specifico mi sono specializzata in riabilitazione cognitiva ed educazione emotiva. Inoltre mi occupo di psicoeducazione e formazione ai caregivers.

 

Come é nata l’idea di creare un canale youtube ?

 

Ho pensato che Youtube, e i social in generale, fossero strumenti efficaci per far arrivare le mie conoscenze e i miei messaggi al maggior numero di persone. Sentivo la necessità di fare prevenzione e psicoeducazione su scala allargata. Guardavo io stessa tutorial per apprendere nuove abilità e nuove conoscenze, trovandoli molto utili. Ad un certo punto ho sentito l’esigenza di ‘scavalcare lo schermo’ ed essere dall’altra parte. E devo dire che effettivamente youtube sta rispondendo alle mie aspettative.

 

Abitudini per ridurre l'ansia

 

Scoprite tutti i consigli, le strategie e le attività proposte dalla Dottoressa Giusi Ciccolella sul suo canale youtube.

 

Quali sono le competenze/funzioni cognitive più fragili nelle persone che segue ?

 

Se rimaniamo nell’ambito dell’area geriatrica e delle demenze, sicuramente le due funzioni cognitive che appaiono fragili per prime sono la memoria e l’attenzione. Sono le funzioni cognitive che impattano maggiormente nella nostra quotidianità e che ci provocano sofferenza. Sono le prime funzioni cognitive che ci mettono in allarme quando iniziano ad esserci difficoltà.

Ci sono però una vasta gamma di patologie neurodegenerative che portano con sé disturbi anche rispetto ad altre funzioni cognitive. Per esempio nel linguaggio, nelle abilità visuo-spaziali, nel ragionamento astratto o logico, nell’orientamento temporale o spaziale, nel calcolo, nelle funzioni esecutive, e spesso anche nell’affettività e nel comportamento.

Rispetto all’area della fragilità psichiatrica, invece direi che le abilità fragili sono più che altro metacognitive. Per esempio le competenze emotive e relazionali, oltre che ad una scarsa consapevolezza di sè e dell’ambiente esterno. Non dimentichiamoci però che spesso una fragilità psichiatrica può portare nel tempo ad avere disturbi cognitivi rispetto a tutte le funzioni nominate prima.

 

Che tipi di attività svolge durante le terapie ?

 

Le attività dipendono dai bisogni del paziente e del suo ambiente. Mi occupo di stimolazione/riabilitazione cognitiva al paziente individuale o di gruppo, e di supporto ai caregivers. Nel corso degli incontri utilizzo strumenti di vario tipo. Un’attività può essere completamente orale, o con il supporto di materiale cartaceo o con l’utilizzo di software o app, come i vostri Roberto e Sofia. Inoltre nelle situazioni in cui emergono anche bisogni più affettivi, relazionali ed emotivi, offro percorsi di apprendimento di abilità rispetto alla regolazione emotiva, alla gestione della sofferenza/stress e all’efficacia interpersonale. Nel mio lavoro sono molto importanti l’emotività e l’umore, infatti ho molto apprezzato lo spazio che il vostro coach Sofia da a questi aspetti.

 

sofia-alzheimer-demenza-senior-giochi-di-memoria-anziani-sintomi-malattia-cognitivi-attivita-dynseo

Quanto é importante l’aspetto relazionale fra il terapista e la persona nel progetto terapeutico ?

 

L’aspetto relazionale è importantissimo, sta alla base di tutto. Come ho detto, l’educatore professionale è un esperto della relazione d’aiuto e tutto passa attraverso la relazione terapeutica. I principali strumenti dell’educatore sono l’empatia, la dialettica e la validazione. E’ importante che il paziente si senta visto, accolto, coinvolto, senza sentirsi giudicato, e che si senta al centro del proprio percorso riabilitativo.

 

In che modo la terapia può influenzare la qualità della vita della persona ?

 

La terapia aiuta prima di tutto a migliorare le abilità cognitive residue della persona, o comunque a rallentarne il peggioramento, che è già un grande risultato. Inoltre gli incontri con l’educatrice hanno anche altri due obiettivi importanti: migliorare l’umore e la motivazione. Più la persona si sente bene, in forma, con un umore positivo, più si attiverà nelle attività. Più si attiverà nelle attività strutturate o quotidiane, più allenerà tutte le sue funzioni cognitive. E’ un ciclo virtuoso. Inoltre gli incontri possono aiutare i caregivers ad acquisire conoscenze e competenze per gestire il proprio caro e la situazione in generale. Oltre ad offrire uno spazio di supporto per loro stessi.

Le nuove tecnologie possono essere integrate nelle terapie? In che modo?

 

Assolutamente si. Questo periodo storico drammatico e delicato ci ha insegnato molte cose, alcune di queste molto positive. Immaginiamo gli stessi eventi senza l’accesso alle nuove tecnologie. Le persone sarebbero state ancora più isolate e chiuse in se stesse. Ormai sappiamo gli effetti negativi di tali chiusure e isolamenti, soprattutto nella popolazione più fragile, come anziani, bambini e adolescenti. La tecnologia ci ha permesso invece di sentirci comunque connessi, in contatto, in relazione, seppur con alcuni compromessi. Penso quindi che le nuove tecnologie debbano andare a completare le modalità di cura più classiche, espandendone il potenziale. Una modalità non esclude l’altra, ma vanno integrate per aumentare i vantaggi e i benefici di entrambe, per migliorare la qualità di vita di tutti, in particolare dei più fragili.

Ringraziamo la Dottoressa Giusi Ciccolella per la sua disponibilità, la sua cortesia e la sua professionalità!

3 MESI

  • Monitoraggio a distanza
  • Novità
  • Assistenza clienti
  • Nessun rinnovo automatico

15 EURO

1 ANNO

  • Monitoraggio a distanza
  • Novità
  • Assistenza clienti
  • Nessun rinnovo automatico

50 EURO

1 ORA DI COACHING

  • 1 ora di coaching individuale
  • Raccomandazioni, consigli e strategie pratiche

40 EURO

TABLET + GIOCHI

  • Samsung Galaxy Tab A8  10.5, 32 GB
  • Custodia in pelle
  • Sofia – 1 anno incluso
  • Consegna


299 EURO

Altri articoli che potrebbero interessarvi:

Ottimizzato da Optimole