5/5 - (4 votes)

Il numero di persone colpite da questa malattia è in aumento. I pazienti possono essere seguiti meglio quando la malattia viene scoperta presto. I sintomi osservati nei pazienti sono molteplici e progressivi. Scoprite l’importanza dell’educazione sui sintomi dell’Alzheimer.

 

 

Focus sul morbo di Alzheimer e i suoi sintomi

 

Il morbo di Alzheimer è una malattia che si verifica principalmente nelle persone oltre i 60 anni di età. La malattia si manifesta con sintomi diversi. Innanzitutto, ci sono i disturbi della memoria. Oltre a questi segni, sono presenti dei disturbi comportamentali, che si manifestano con aggressività o sbalzi d’umore. Si osserva inoltre nei malati di Alzheimer una tendenza a perdere l’orientamento, e dei problemi di concentrazione. Sono presenti anche difficoltà di comunicazione o nel ricordare alcune informazioni. La malattia di Alzheimer viene diagnosticata dal medico in seguito alla presenza di questi sintomi. 

 

tabella-alzheimer-sofia-memoria-stimolazione-cognitiva-giochi-anziani

Educazione e Alzheimer: qual è il legame?

 

Secondo alcuni studi di importanti università, l’educazione può ritardare i sintomi della malattia di Alzheimer. Per esempio, uno studio condotto da alcuni ricercatori dell’Università di Cambridge evidenzia un legame tra istruzione e malattia di Alzheimer. Questo studio è disponibile nel British Medical Journal. Le menti attive possono quindi ritardare i sintomi dell’Alzheimer: possiamo dire che l’educazione è un modo eccellente per proteggersi dall’Alzheimer. Un altro studio pubblicato su “Neurology” ha dimostrato che l’istruzione ha un’influenza positiva sulla salute del cervello degli anziani con Alzheimer.

Pertanto, è importante trovare delle attività capaci di stimolare il cervello, in modo da ritardare i sintomi dell’Alzheimer. Principalmente, si devono fare ancora progressi nel campo dell’educazione. Tuttavia, l’educazione non è l’unica cosa che ritarda la comparsa dei sintomi dell’Alzheimer. Ci sono altri modi per ritardare l’insorgenza della malattia.

 

Altri modi per ritardare i sintomi dell’Alzheimer

 

 

Ci sono diverse cose che possono aiutare le persone a rischio di Alzheimer a rallentare i sintomi. Per esempio, leggere o svolgere attività artistiche come il canto. Perché non iscriversi a un corso di canto? La lettura quotidiana è un buon modo per passare il tempo ed è terapeutica in quanto agisce sui sintomi precoci.

 

Un altro modo per ritardare la comparsa dei sintomi è agire sui fattori di rischio cardiovascolare. È importante nutrire bene il cervello mangiando verdure verdi, noci, carni bianche, ecc. Al fine di ritardare l’insorgere della demenza, è molto importante anche avere uno stile di vita sano, riducendo per esempio il consumo di bevande alcoliche e smettendo di fumare. L’attività fisica è benefica per l’organismo a tutte le età. Fate esercizio fisico moderato durante la settimana. Inoltre, scegliete delle attività cognitive come l’applicazione Roberto! Concepita per stimolare il cervello con più di 30 giochi ludici e culturali, è uno strumento semplice e divertente per allenare il cervello.

UN PROGRAMMA DI PREVENZIONE O DI PERDITA MENTALELIEVE

ROBERTO

coach roberto memoria allenamento cerebrale

UN PROGRAMMA DI SOSTEGNO ALLE PERSONE AFFETTE DA ALZHEIMER

SOFIA

sofia-giocchidimemoria-alzheimers-anziani

Passi dopo la diagnosi

 

Abbiamo appena visto come ritardare la comparsa dei sintomi della malattia di Alzheimer, ma queste tecniche sono efficaci anche per ritardare il declino cognitivo durante la malattia.

Dopo la diagnosi di malattia di Alzheimer, è importante agire per sostenere il proprio caro. Potete chiedere consiglio al vostro medico, che potrà fornirvi i contatti di persone che vi aiutano. A seconda della gravità dei sintomi, ci sono diverse soluzioni possibili.

Si può iniziare ad adattare l’ambiente familiare: acquistare un calendario per annotare gli appuntamenti, comprare dei portapillole o creare dei contatti prioritari al telefono. Quando la persona può vivere a casa, si può cercare un assistente domiciliare o un’équipe Alzheimer.

Quando i sintomi diventano più gravi, si può cercare l’EHPAD o le unità di cura adattate.

In ogni caso, è importante continuare a stimolare il proprio caro con attività cognitive (lettura, giochi cerebrali, scambi, ecc.). Anche se non è possibile arrestare la malattia, possiamo cercare di ritardare il deterioramento cognitivo e mantenere l’autonomia della persona il più a lungo possibile. Condividere queste attività può aiutare a mantenere un legame con la persona amata.

Stimolare la memoria ed essere monitorati a distanza da un coach per l’allenamento della memoria

Avete la possibilità di essere seguiti a distanza da un coach della memoria, che vi fornirà le strategie da attuare in base alle vostre esigenze e alle funzioni cognitive che desiderate migliorare (attenzione, memoria, linguaggio, ecc.).

Il coach vi accompagna a distanza per 1 ora via video. Avrete lo stesso allenatore che vi seguirà sessione dopo sessione. Durante il coaching, utilizzerà le applicazioni ROBERTO e SOFIA, consigliandovi i giochi migliori per il vostro obiettivo e fornendovi le strategie da attuare.

Si raccomanda di effettuare l’allenamento della memoria una volta al trimestre e di eseguire, tra una sessione e l’altra, gli esercizi consigliati sulle applicazioni ROBERTO e SOFIA.

Il coaching dura 1 ora in video e può essere prenotato da :

  • Persone che desiderano un supporto nell’utilizzo dei nostri programmi: allenarsi a casa da soli può essere difficile. Si può perdere la motivazione se non si ha nessuno con cui giocare. A volte un parente può avviare attività di stimolazione cognitiva, ma è necessario avere pazienza e un estraneo può essere più facile.
  • Persone che sono seguite da professionisti della salute ma che svolgono attività anche a casa: tra una seduta e l’altra con il professionista, ci si può allenare a casa. L’allenatore della memoria può consigliarvi i giochi più adatti alle vostre esigenze.
coaching personalizzato_2
  • Persone in attesa di iniziare un trattamento : i tempi di attesa per un appuntamento con un logopedista possono essere molto lunghi. Durante l’attesa, potrete iniziare il training cognitivo ed essere seguiti da uno dei nostri memory coach per eseguire insieme gli esercizi cognitivi.

Se voi o i vostri cari avete problemi cognitivi o fragilità, è importante essere monitorati da un medico o da un operatore sanitario. Il coaching è uno strumento che accompagna l’uso dei programmi di brain training su tablet. Non sostituisce una valutazione logopedica. Se state utilizzando i nostri programmi a causa di una malattia, parlatene con il vostro medico.

icona_tempo

Un appuntamento veloce

icona_casa<br />

Senza uscire di casa

icona_consiglio

Consulenza su misura per le vostre esigenze

Altri articoli che potrebbero interessarvi: