5/5 - (1 vote)

Sono diversi gli operatori sanitari coinvolti nell’assistenza ai pazienti affetti dalla malattia di Alzheimer. Di seguito è riportato un elenco di operatori sanitari che possono essere coinvolti nell’assistenza ai pazienti affetti da Alzheimer:

 

– Medico di base

Spesso è il primo punto di contatto per i malati di Alzheimer. Il medico di famiglia può aiutare a diagnosticare la malattia, a prescrivere farmaci per il trattamento dei sintomi e a coordinare le cure.

 

– Neurologo

Il neurologo è uno specialista che può aiutare a diagnosticare la malattia di Alzheimer e a monitorarne la progressione. Possono anche prescrivere farmaci per il trattamento dei sintomi.

– Geriatra

I geriatri sono medici specializzati nell’assistenza agli anziani. Possono aiutare a gestire i problemi di salute legati all’età e fornire assistenza ai pazienti affetti dalla malattia di Alzheimer.

 

– Psicologo

Gli psicologi possono aiutare i malati di Alzheimer e le loro famiglie a gestire gli effetti psicologici della malattia, come la depressione e l’ansia.

 

– Terapista occupazionale

Un terapista occupazionale può aiutare i pazienti con malattia di Alzheimer a mantenere la propria indipendenza e autonomia insegnando loro strategie per gestire le attività quotidiane.

Alzheimer_senior_professionnel de santé

– Logopedista

I logopedisti possono aiutare i pazienti con malattia di Alzheimer a migliorare la comunicazione e la comprensione del linguaggio.

 

– Infermiera

Gli infermieri possono aiutare a coordinare l’assistenza, a somministrare i farmaci e a fornire cure di supporto ai pazienti affetti dalla malattia di Alzheimer.

 

Obiettivi dell’assistenza al malato di Alzheimer

 

Gli obiettivi dell’assistenza ai pazienti con malattia di Alzheimer possono variare a seconda dei sintomi e della gravità della malattia, ma alcuni obiettivi comuni sono

– Rallentare la progressione della malattia Sebbene non esista una cura per la malattia di Alzheimer, alcuni farmaci possono rallentare la progressione della malattia e migliorare i sintomi.

Gestione dei sintomi : i pazienti affetti dalla malattia di Alzheimer possono manifestare una serie di sintomi, come problemi di memoria, confusione e agitazione. Gli operatori sanitari possono aiutare a gestire questi sintomi per migliorare la qualità di vita del paziente.

– Fornire supporto ai caregiver I caregiver di pazienti affetti dalla malattia di Alzheimer possono trovarsi ad affrontare sfide emotive e fisiche. Gli operatori sanitari possono fornire un supporto ai caregiver per aiutarli ad affrontare le sfide dell’assistenza a una persona cara affetta dalla malattia di Alzheimer.

Mantenere l’indipendenza e la qualità della vita : gli operatori sanitari possono aiutare i pazienti affetti dalla malattia

 

Come migliorare la qualità della vita di un anziano con Alzheimer a casa?

Prendersi cura di un anziano con la malattia di Alzheimer a casa può essere una sfida, ma ci sono misure che possono essere adottate per migliorare la qualità della vita del paziente e di chi lo assiste. Ecco alcuni consigli su come assistere un anziano con la malattia di Alzheimer a casa:

 

Creare un ambiente adatto

È importante creare un ambiente sicuro e di supporto per il paziente. Ciò può includere l’installazione di maniglioni nel bagno, la rimozione di tappeti o ostacoli nelle stanze della casa, l’installazione di luci notturne, ecc.

 

– Stabilire una routine

Le persone con la malattia di Alzheimer hanno bisogno di routine e struttura per sentirsi al sicuro. È quindi importante stabilire una routine quotidiana e rispettarla il più possibile.

senior care and memory care for seniors and caregivers

 

– Incoraggiare l’attività fisica

L’esercizio fisico regolare può aiutare a mantenere la salute fisica e mentale del paziente. Possono essere utili attività semplici come camminare, fare yoga o ballare.

 

– Promuovere la stimolazione cognitiva

Per stimolare la memoria dei pazienti affetti da Alzheimer si possono utilizzare programmi semplici e divertenti per tablet, come il programma SOFIA. I 30 giochi sono adattati ai pazienti affetti da Alzheimer e aiutano a creare un legame tra gli anziani e l’assistente professionale o familiare.

Evitare la sovrastimolazione Le persone con malattia di Alzheimer possono essere facilmente sovrastimolate, quindi è importante limitare le distrazioni e creare un ambiente calmo e tranquillo.

 

Promuovere l’interazione sociale
Le interazioni sociali sono importanti per la salute mentale e fisica del paziente. È quindi importante incoraggiare gli incontri con i familiari, gli amici o i vicini di casa.

Prendersi cura di sé
Gli assistenti familiari possono essere molto impegnati e hanno bisogno di tempo per riposare. È quindi importante prendersi cura di sé e chiedere aiuto se necessario.

 

Rivolgersi a un professionista della salute
Gli operatori sanitari, come infermieri, assistenti o team specializzati nell’Alzheimer, possono aiutare nella gestione quotidiana della malattia e fornire supporto ai familiari che si occupano di loro. Potete anche beneficiare dell’intervento di un’UVA (Unità di Valutazione Alzheimer) a domicilio.

 

Che cos’è un team specializzato in Alzheimer?

 

Un’unità di Valutazione Alzheimer è un gruppo di professionisti sanitari specificamente formati per assistere le persone affette dalla malattia di Alzheimer e le loro famiglie. Possono lavorare a domicilio, in alloggi collettivicasa di riposo, o in centri specializzati per offrire un’assistenza completa e personalizzata a ogni paziente.

Le unità di Valutazione Alzheimer sono solitamente composte da un medico, uno psicologo, un terapista occupazionale, un assistente sociale, un infermiere e un assistente. L’équipe è coordinata da un medico responsabile, che assicura la cura complessiva del paziente e lavora in stretta collaborazione con gli operatori sanitari della regione.

Il ruolo dell’UVA è quello di accompagnare il paziente e i suoi familiari durante il decorso della malattia di Alzheimer.. UVA può effettuare valutazioni regolari dello stato di salute del paziente e proporre soluzioni adatte alle sue esigenze, come l’elaborazione di un piano di assistenza personalizzato, l’adattamento dell’abitazione, l’assistenza domiciliare o l’organizzazione di attività adattate.

L’UVA lavora in stretta collaborazione con gli operatori sanitari della regione (medici di base, neurologi, infermieri, ecc.) per garantire un’assistenza completa e coordinata ai pazienti. L’UVA può anche offrire sostegno psicologico e sociale ai familiari che prestano assistenza, che possono sentirsi sopraffatti dal carico assistenziale.

Comunicare per una persona affetta da Alzheimer

 

Gli interventi UVA sono coperti dall’assicurazione sanitaria e non sono soggetti a costi aggiuntivi. I pazienti e le loro famiglie possono quindi beneficiare di un supporto personalizzato, indipendentemente dalla loro situazione finanziaria.

Per beneficiare dell’intervento di un’Unità di Valutazione Alzheimer, sono necessarie diverse fasi:

Il medico curante deve prescrivere un consulto sulla memoria presso un centro specializzato, un neurologo o un geriatra per diagnosticare la malattia di Alzheimer.

– Una volta effettuata la diagnosi, il medico curante può indirizzare la persona con malattia di Alzheimer e i suoi familiari a un’UVA.

– Le UVA sono spesso collegate a ospedali, SSIAD (servizi di assistenza domiciliare) o strutture medico-sociali. Per trovare un UVA, potete rivolgervi al Centro locale di informazione e coordinamento (CLIC) o al Centre Communal d’Action Sociale (CCAS) della vostra città o regione.

– Le UVA possono lavorare a casa o in strutture di assistenza e offrono un supporto personalizzato ai malati di Alzheimer e ai loro familiari. Le UVA lavorano in collaborazione con gli operatori sanitari (medici, infermieri, psicologi, ecc.) per offrire soluzioni adatte alle esigenze di ciascun paziente.

 

 

Le diverse strutture assistenziali che possono accompagnare un malato di Alzheimer

Esistono diverse strutture per accompagnare una persona affetta da Alzheimer. Di seguito sono riportati alcuni esempi:

 

– Centri diurni

Si tratta di strutture che offrono attività adatte alle persone con malattia di Alzheimer durante il giorno. Le persone possono andare una o più volte alla settimana, il che permette loro di uscire di casa e di incontrare altre persone in un ambiente sicuro.

 

– Alloggio temporaneo

Sono destinate ad accogliere persone con Alzheimer per un periodo temporaneo, per dare sollievo agli assistenti familiari, per consentire alla persona di riprendersi dopo un ricovero ospedaliero o per un periodo di prova prima di entrare in una casa di riposo.

  1. Case di riposo: le case di riposo specializzate nella malattia di Alzheimer offrono un ambiente sicuro, adattato alle esigenze specifiche dei pazienti. I residenti beneficiano di un’assistenza personalizzata e della presenza di professionisti della salute.
  2. Unità speciali nelle case di riposo: alcune case di riposo dispongono di unità speciali per le persone affette dalla malattia di Alzheimer. Queste unità dispongono di un ambiente adeguato e di personale formato per soddisfare le esigenze dei pazienti.
  3. Case residenziali: Sono strutture che offrono alloggi individuali adattati alle persone con malattia di Alzheimer, con assistenza personalizzata e la presenza regolare di operatori sanitari.

È importante scegliere una struttura che risponda alle esigenze della persona con Alzheimer e che sia adatta alle sue preferenze e capacità. Anche i familiari e gli assistenti possono beneficiare di un supporto e di una guida che li aiuti a trovare la soluzione assistenziale migliore per il loro congiunto.

Le équipe specializzate nell’Alzheimer sono solitamente composte da un medico, uno psicologo, un terapista occupazionale, un assistente sociale, un infermiere e un assistente. L’équipe è coordinata da un medico responsabile, che assicura la cura complessiva del paziente e lavora in stretta collaborazione con gli operatori sanitari della regione.

Il ruolo dell’UVA è quello di accompagnare il paziente e i suoi familiari durante il decorso della malattia di Alzheimer.. L’UVA può effettuare valutazioni regolari dello stato di salute del paziente e proporre soluzioni adatte alle sue esigenze, come l’elaborazione di un piano di assistenza personalizzato, l’adattamento dell’abitazione, l’assistenza domiciliare o l’organizzazione di attività adattate.

L’UVA lavora in stretta collaborazione con gli operatori sanitari della regione (medici di base, neurologi, infermieri, ecc.) per garantire un’assistenza completa e coordinata ai pazienti. L’UVA può anche offrire sostegno psicologico e sociale ai familiari che prestano assistenza, che possono sentirsi sopraffatti dal carico assistenziale.

Soluzione di alloggio ehpad per anziani affetti da Alzheimer

Stimolare una persona con Alzheimer con giochi adattati

SOFIA, la vostra coach di memoria

sofia-giochidimemoria-alzheimers-anziani

Accompagnare una persona con Alzheimer

tabella-alzheimer-sofia-memoria-stimolazione-cognitiva-giochi-anziani

Altri articoli che potrebbero interessarvi: