5/5 - (1 vote)

L’anoressia è un disturbo alimentare che colpisce milioni di persone in tutto il mondo. Questa malattia può avere gravi conseguenze per la salute fisica e mentale, e quindi è un problema di salute importante da trattare. In questo contesto, il brain training può essere un metodo efficace per aiutare le persone affette da anoressia a recuperare e a tornare a una vita sana.

L’allenamento cerebrale può aiutare a sviluppare una migliore immagine corporea, che è fondamentale per le persone affette da anoressia che spesso hanno una percezione negativa del proprio corpo. Sviluppando abilità cognitive più forti, i pazienti affetti da anoressia possono anche avere una migliore capacità di risolvere i problemi legati al loro trattamento, come la pianificazione dei pasti e l’aderenza a una dieta sana.

 

 

Quali sono i disturbi alimentari legati all’anoressia?

 

 

Bulimia

È caratterizzata da episodi ricorrenti di sovralimentazione, seguiti da comportamenti compensatori come il vomito o l’uso eccessivo di lassativi. Le persone affette da bulimia possono sentire una perdita di controllo durante gli episodi di sovralimentazione e possono provare vergogna o senso di colpa dopo aver mangiato. Possono anche avere un’eccessiva preoccupazione per il peso, l’aspetto fisico e la dieta, che può portare a restrizioni alimentari o a comportamenti alimentari compulsivi.

 

 

Disturbo da alimentazione incontrollata

Conosciuto anche come “bulimia non alimentare”, è un disturbo alimentare caratterizzato da episodi ricorrenti e frequenti di alimentazione compulsiva senza comportamenti compensatori inappropriati per evitare l’aumento di peso. Durante questi episodi, la persona colpita consuma più cibo di quanto la maggior parte delle persone mangerebbe in un periodo di tempo simile e spesso si sente fuori controllo. Gli episodi di sovralimentazione sono spesso accompagnati da sentimenti di vergogna, colpa e imbarazzo.

Perché l’anoressia è un disturbo prevalentemente femminile?

Pressione sociale e culturale

Le norme sociali e culturali tendono a imporre alle donne standard di bellezza e di peso irrealistici, che possono portare alcune donne a provare vergogna e insicurezza per il proprio aspetto fisico. Questo può portare a comportamenti alimentari non salutari, come l’eccessiva restrizione alimentare, che sono caratteristiche dell’anoressia.

Biologia

Alcune ricerche suggeriscono che gli ormoni sessuali femminili, come gli estrogeni, possono svolgere un ruolo nella predisposizione delle donne all’anoressia. Inoltre, è possibile che le differenze biologiche tra i sessi influenzino il modo in cui l’organismo immagazzina e brucia i grassi. Le donne tendono ad accumulare più grasso degli uomini e hanno un metabolismo più lento, il che può rendere più difficile la perdita di peso. Questo può portare a sentimenti di frustrazione e ansia per il peso, che possono portare a comportamenti alimentari non salutari, come un’eccessiva restrizione alimentare.

 

 

 

Storia personale o familiare

Una storia familiare di disturbi alimentari, esperienze infantili traumatiche o una storia di disturbi dell’umore possono aumentare il rischio di sviluppare un disturbo alimentare, compresa l’anoressia.

Stigma

Gli stereotipi sociali secondo i quali è più probabile che le donne abbiano problemi con il peso e l’aspetto fisico possono impedire agli uomini di riconoscere di avere un disturbo alimentare o di cercare aiuto.

Perché si chiama anoressia nervosa?

 

 

 

Il termine anoressia nervosa viene utilizzato perché questa malattia è principalmente un disturbo alimentare che si manifesta con un’ossessione per la magrezza e un’intensa paura di ingrassare, anche quando la persona è già molto magra. Questa ossessione può portare a gravi comportamenti restrittivi, come la limitazione drastica dell’assunzione di cibo o l’esercizio fisico eccessivo, che possono mettere in pericolo la salute fisica e mentale della persona colpita.

L’anoressia nervosa è quindi considerata un disturbo psichiatrico perché è associata a significativi disturbi emotivi, cognitivi e comportamentali. I fattori di rischio per questa malattia sono numerosi e possono essere legati a problemi personali, familiari o sociali, oltre che a pressioni culturali per soddisfare rigidi standard estetici. È importante riconoscere i segni dell’anoressia nervosa e cercare aiuto il prima possibile per trattare questa condizione complessa e potenzialmente letale.

 

 

 

Quali sono i sintomi fisici dell’anoressia?

 

Perdita di peso

anche se la persona è già molto magra. Questa perdita di peso può portare a deperimento muscolare, disidratazione, pelle secca e pressione bassa.

Anemia

L’anemia si verifica quando il livello di globuli rossi nel sangue è inferiore al normale, il che può causare affaticamento, debolezza, vertigini, pallore e aumento della frequenza cardiaca. Le persone affette da anoressia nervosa possono sviluppare una carenza di ferro e vitamina B12, entrambi essenziali per la produzione di globuli rossi.

 

 

 

Ipoglicemia

Si verifica quando i livelli di glucosio nel sangue sono troppo bassi, il che può causare sintomi come tremori, confusione, sudorazione, vertigini e perdita di coscienza. Le persone affette da anoressia nervosa possono andare incontro a ipoglicemia a causa della mancanza di glucosio nell’organismo, poiché il cervello e altri organi hanno bisogno di glucosio per funzionare correttamente.

 

 

Insufficienza cardiaca e renale

Possono anche verificarsi come conseguenza dell’anoressia nervosa. La malnutrizione può indebolire il muscolo cardiaco, ridurre il volume del sangue e causare tachicardia, aritmia e insufficienza cardiaca congestizia. Anche i reni possono essere colpiti, poiché dipendono da un flusso sanguigno adeguato per funzionare.

 

Qual è il legame tra anoressia e disturbi mentali?

 

 

L’anoressia nervosa può anche essere causa di disturbi mentali. La malnutrizione associata all’anoressia nervosa può compromettere la funzione cerebrale, con conseguenti alterazioni dell’umore, dell’ansia, della cognizione e di altri sintomi psicologici. Le persone affette da anoressia nervosa possono anche manifestare distorsioni dell’immagine corporea, pensieri ossessivi sul cibo e sul peso e bassa autostima, tutti fattori associati a disturbi dell’umore e dell’ansia.

Anche i fattori ambientali possono contribuire allo sviluppo dell’anoressia nervosa e dei disturbi mentali correlati. Le pressioni sociali, familiari o culturali legate alla magrezza e all’aspetto fisico possono svolgere un ruolo importante nello sviluppo dell’anoressia nervosa e dei disturbi mentali.

Infine, i disturbi alimentari come l’anoressia nervosa sono spesso considerati disturbi dell’impulso e del controllo, in quanto le persone affette da questi disturbi tendono a sentirsi impotenti nei confronti della propria dieta. Questa sensazione di mancanza di controllo può anche contribuire allo sviluppo di disturbi mentali come l’ansia e la depressione.

Quali sono gli effetti della nostra alimentazione sul nostro cervello?

 

 

Impatto positivo

Gli acidi grassi omega-3, presenti nei pesci grassi come il salmone e il tonno, nonché nelle noci e nei semi, sono particolarmente benefici per la salute del cervello. Questi acidi grassi sono importanti costituenti delle membrane cellulari del cervello e possono migliorare la memoria, la concentrazione e le funzioni cognitive in generale.

Anche gli alimenti ricchi di antiossidanti, come frutta e verdura colorata, possono avere un impatto positivo sulla salute del cervello. Gli antiossidanti aiutano a proteggere le cellule cerebrali dai danni dei radicali liberi, che possono danneggiare le membrane cellulari e i processi biochimici.

Impatto negativo

D’altra parte, una dieta ricca di grassi saturi, zucchero e sale può avere un impatto negativo sulla salute del cervello. Le diete ad alto contenuto di grassi saturi possono portare all’accumulo di placche nelle arterie, riducendo il flusso di sangue al cervello e aumentando il rischio di demenza e di malattie neurodegenerative.

Le diete ad alto contenuto di zuccheri possono anche avere un impatto negativo sulle funzioni cognitive, in particolare riducendo la concentrazione e la memoria. È stato dimostrato che alcuni additivi alimentari comunemente utilizzati, come i coloranti e i conservanti, possono avere effetti negativi sul comportamento e sulle funzioni cognitive di bambini e adulti sensibili.

Come possono le persone affette da anoressia ottenere un aiuto psicologico?

Terapia individuale

Permette alla persona affetta da anoressia di lavorare con un terapeuta per comprendere le radici del proprio disturbo alimentare, esplorare i pensieri e le emozioni sottostanti e sviluppare le capacità di affrontare le situazioni di stress in modo più sano. La terapia di gruppo offre uno spazio sicuro e di sostegno alle persone affette da anoressia, dove possono condividere le loro esperienze, le loro lotte e i loro successi con altre persone che capiscono cosa stanno passando.

Terapia familiare

È spesso raccomandato per le persone più giovani affette da anoressia, in quanto coinvolge la famiglia nel processo di recupero. Questa terapia aiuta i familiari a comprendere l’anoressia e a capire come sostenere la persona amata nel percorso di guarigione. Può anche contribuire a migliorare le relazioni familiari e a rafforzare le capacità di comunicazione.

Quali sono i vari supporti cognitivi per le persone affette da anoressia?

Terapia dialettica del comportamento

La terapia dialettica comportamentale (DBT) può essere utile anche per le persone affette da anoressia. Queste terapie mirano ad aiutare le persone a gestire meglio le proprie emozioni e a sviluppare strategie per affrontare le situazioni difficili senza ricorrere a comportamenti alimentari disordinati.

Terapia cognitivo-comportamentale (CBT)

È una forma di psicoterapia che si concentra sui pensieri e sui comportamenti che contribuiscono all’anoressia. La CBT aiuta le persone affette da anoressia a identificare e modificare gli schemi di pensiero negativi che le spingono a privarsi del cibo, nonché a sviluppare le capacità di affrontare le situazioni che scatenano comportamenti alimentari non salutari.

Tecniche di rilassamento

Questi includono la respirazione profonda e il rilassamento muscolare progressivo. Queste tecniche possono aiutare a ridurre l’ansia e lo stress associati all’anoressia, migliorando la qualità della vita delle persone affette da anoressia.

 

ROBERTO, un programma di formazione cognitiva a supporto delle persone affette da anoressia

 

Esistono molti modi per esercitare la memoria e le funzioni cognitive. L’utilizzo di un programma di brain training può aiutare le persone affette da anoressia a gestire meglio i propri pensieri ed emozioni e a migliorare il proprio comportamento alimentare.

Il programma di allenamento cerebrale JOE è stato progettato specificamente per gli adulti per mantenere il cervello sano attraverso esercizi divertenti e stimolanti. Contiene oltre 30 giochi cognitivi e si rivolge alla concentrazione, all’attenzione, ai riflessi, al linguaggio e a molte altre funzioni cognitive.

joe allenatore cerebrale allenamento della memoria

Scaricate ROBERTO, il vostro allenatore del cervello, con una prova di 7 giorni.

Telecharger Googleplay, DYNSEO

Altri articoli che potrebbero interessarvi: