4.9/5 - (39 votes)

Una persona a voi vicina è affetta dalla malattia di Parkinson e non sapete come aiutarla? Non preoccupatevi, un logopedista può essere la persona che fa al caso vostro. Pronti a saperne di più? Restate con noi, questo è il posto giusto!

tabella-riassuntiva-parkinson-sofia-motricità-giochi (2)

Riabilitare i disturbi della deglutizione grazie ad un logopedista

 

Le persone affette da morbo di Parkinson, possono soffrire di numerosi disturbi della deglutizione, che però sono ancora poco presi in carico. Bisogna considerare che non meno del 60-80% delle persone con il morbo di Parkinson è affetta da questo tipo di disturbo. Per aiutarle, in alcuni casi è possibile rivolgersi a un logopedista.

Quando una persona con il morbo di Parkinson si rivolge a un logopedista per questo tipo di disturbo, in un primo tempo verrà effettuato un bilancio. QUesto serve a sapere esattamente quali sono i disturbi della deglutizione di cui la persona soffre.

Inoltre, esistono alcune tecniche che permettono alle persone con Parkinson di deglutire meglio. Per esempio, addensare i liquidi o frullare i cibi difficili da masticare. In ogni caso, il logopedista sarà presente per aiutare i pazienti affetti da questa malattia.

 

Eliminare i disturbi del linguaggio grazie ad un logopedista

 

A volte i pazienti con il morbo di Parkinson presentano alcuni disturbi del linguaggio. Non si tratta di un problema banale, anzi: la persona in questione ha bisogno di aiuto. Perché? Nonostante sia convinta di parlare a un livello sonoro normale, in realtà parla a un volume molto più basso. Di conseguenza, può avere difficoltà a farsi capire dagli altri. Il logopedista può aiutare il paziente anche sotto questo aspetto. Tra l’altro, esiste un metodo perfetto per affrontare questo problema: il canto!

 

Cantare per rieducare la voce?

 

Come avete visto qui sopra, il canto può davvero essere d’aiuto per le persone con il Parkinson, perché favorisce la rieducazione della voce. Il canto permette di lavorare su tutti i parametri della voce, come la modulazione, l’intonazione, l’articolazione o il flusso delle parole. In tal modo, ricorrendo ad un logopedista, la persona con il morbo di Parkinson sarà in grado di rieducare la sua voce e di poter di nuovo parlare.

logopedia_esercizi_voce

Sofia: uno strumento pratico

 

L’applicazione Sofia è molto utile per esercitarsi a cantare con il gioco “L’orecchio musicale”. In questo modo la persona non solo rieduca la sua voce, ma migliora anche la memoria divertendosi!

Per sostenere una persona cara con il morbo di Parkinson, potete chiamare un logopedista, che sarà in grado di aiutarla, il che è una buona notizia!

Sofia, un programma di giochi facili e adattati per gli anziani

Con il programma di giochi SOFIA, troverete più di 30 giochi per stimolare i vostri beneficiari e condividere con loro bei momenti.

 

coach-sofia

La biglia che gira, l’applicazione per lavorare sulla motricità fine

Inclina il tablet per far spostare la biglia sullo schermo in base agli esercizi richiesti per lavorare sulla motricità.

labigliachegira_motricità_coordinazioneoculomanuale_giochi_

Stimolare la memoria ed essere monitorati a distanza da un coach per l’allenamento della memoria

Avete la possibilità di essere seguiti a distanza da un coach della memoria, che vi fornirà le strategie da attuare in base alle vostre esigenze e alle funzioni cognitive che desiderate migliorare (attenzione, memoria, linguaggio, ecc.).

Il coach vi accompagna a distanza per 1 ora via video. Avrete lo stesso allenatore che vi seguirà sessione dopo sessione. Durante il coaching, utilizzerà le applicazioni ROBERTO e SOFIA, consigliandovi i giochi migliori per il vostro obiettivo e fornendovi le strategie da attuare.

Si raccomanda di effettuare l’allenamento della memoria una volta al trimestre e di eseguire, tra una sessione e l’altra, gli esercizi consigliati sulle applicazioni ROBERTO e SOFIA.

Il coaching dura 1 ora in video e può essere prenotato da :

  • Persone che desiderano un supporto nell’utilizzo dei nostri programmi: allenarsi a casa da soli può essere difficile. Si può perdere la motivazione se non si ha nessuno con cui giocare. A volte un parente può avviare attività di stimolazione cognitiva, ma è necessario avere pazienza e un estraneo può essere più facile.
  • Persone che sono seguite da professionisti della salute ma che svolgono attività anche a casa: tra una seduta e l’altra con il professionista, ci si può allenare a casa. L’allenatore della memoria può consigliarvi i giochi più adatti alle vostre esigenze.
coaching personalizzato_2
  • Persone in attesa di iniziare un trattamento : i tempi di attesa per un appuntamento con un logopedista possono essere molto lunghi. Durante l’attesa, potrete iniziare il training cognitivo ed essere seguiti da uno dei nostri memory coach per eseguire insieme gli esercizi cognitivi.

Se voi o i vostri cari avete problemi cognitivi o fragilità, è importante essere monitorati da un medico o da un operatore sanitario. Il coaching è uno strumento che accompagna l’uso dei programmi di brain training su tablet. Non sostituisce una valutazione logopedica. Se state utilizzando i nostri programmi a causa di una malattia, parlatene con il vostro medico.

icona_tempo

Un appuntamento veloce

icona_casa<br />

Senza uscire di casa

icona_consiglio

Consulenza su misura per le vostre esigenze

Altri articoli che potrebbero interessarvi: