Rate this post

Il cervello, insieme al midollo spinale, forma il sistema nervoso centrale, che assimila le informazioni, controlla le capacità motorie e assicura le funzioni cognitive. Sebbene rappresenti solo il 2% del peso totale (per una persona di 60 kg), il cervello è l’organo che consuma più energia. Il suo tasso metabolico basale consuma circa il 20% delle calorie che assumiamo. È quindi importante avere una dieta ben bilanciata per aiutare il cervello a funzionare correttamente.

 

Oli vegetali

 

Ricchi di omega-3, omega-6 e vitamina E, i grassi sono essenziali per il corretto funzionamento del cervello. Gli effetti degli omega 3 sul cervello sono molteplici. Proteggono il cervello neutralizzando i radicali liberi e gli forniscono il colesterolo necessario per la formazione delle sinapsi che favoriscono la comunicazione tra i neuroni. I lipidi svolgono importanti ruoli funzionali e strutturali nel cervello. Servono come costituenti delle cellule che formano la massa cerebrale: il 60% della sua sostanza secca è costituito da grassi. Le membrane dei neuroni e delle cellule gliali che sostengono e proteggono il tessuto nervoso, nonché la mielina che isola le fibre nervose e consente la comunicazione del messaggio, sono costituite da lipidi. Per un apporto sostanziale di omega-3, scegliete l’olio di semi di lino, di colza o di noce; per gli omega-6, consumate l’olio di borragine, di girasole o di semi d’uva. L’olio di noce, di camelina, di canapa o di soia contengono questi due acidi grassi essenziali in grandi quantità.

Frutta e verdura

Il cervello produce molti radicali liberi (sostanze tossiche che danneggiano le nostre cellule). Ha quindi bisogno di antiossidanti per preservare le sue facoltà. Gli antiossidanti impediscono la formazione di molecole che compromettono le nostre capacità intellettuali. La frutta e la verdura colorate sono ricche di vitamine antiossidanti A, C, E, K e di minerali che aiutano a combattere la stanchezza e lo stress.

Forniscono inoltre polifenoli in grado di neutralizzare i radicali liberi responsabili della memoria e dei disturbi cognitivi. Zucche, pomodori, arance, pompelmi, peperoni, carote, albicocche, pesche, more, fragole e lamponi sono ricchi di betacarotene, che si trasforma in vitamina A quando viene assorbito dallo stomaco.

I pomodori forniscono al cervello il licopene, che rallenta il declino cerebrale. La vitamina A purifica il corpo e il cervello. È una vitamina antiossidante che attacca i radicali liberi. È preferibile consumarle al vapore o al cartoccio. Le verdure a foglia verde, come spinaci, bietole, broccoli, insalate, peperoni, forniscono al cervello la vitamina B9, utilizzata nella sintesi delle membrane neuronali e dei neurotrasmettitori coinvolti nella depressione.

Alimentation Nutrition SOM, DYNSEO

Prodotti lattiero-caseari e cioccolato

 

Forniscono proteine, ma anche vitamine B1, B2 e B12. Per utilizzare il glucosio (zucchero), il cervello ha bisogno della vitamina B1. La vitamina B2 è necessaria per le funzioni cerebrali. La vitamina B12 è coinvolta nello sviluppo intellettuale. Non esitate a consumare latte, yogurt e formaggio a ogni pasto. Ogni giorno il cervello consuma circa 120 g di glucosio. Il glucosio è il carburante del cervello.

Pertanto, il cervello non deve essere privato del glucosio. Ricco di teobromina e teofillina, il cioccolato è un perfetto stimolante cerebrale. È anche un ottimo antistress. Favorisce la concentrazione. Più il cioccolato è ricco di cacao, meglio è. Scegliete il cioccolato fondente con il 70% o più di cacao.

 

Legumi, carne e pesce

 

Il cervello ha bisogno di proteine per funzionare correttamente. Carne e pesce sono già una fonte eccellente. I legumi contengono anche molte proteine. Per 150 g di lenticchie, mais, ceci, fagioli, piselli o 150 g di frattaglie o bistecca, si ottiene la stessa quantità di proteine.

I legumi sono ricchi di vitamine B9 e B1. Si tratta di proteine vegetali efficaci per la salute del cervello. Le proteine sono importanti per i nostri neuroni. Infatti, contengono aminoacidi come il triptofano che contribuisce alla produzione di serotonina, un neurotrasmettitore che regola il nostro umore e il sonno e il cui equilibrio è essenziale per gestire lo stress e la depressione.

Il triptofano facilita anche la produzione di melatonina, l’ormone del sonno. Questo aminoacido si trova nella soia, nel cioccolato, nelle banane, nel pesce, nel riso integrale e nei prodotti caseari. La carne è anche ricca di ferro. Questo permette di trasportare l’ossigeno alle nostre cellule e quindi di evitare la stanchezza. Favorisce la memorizzazione e la concentrazione.

Sono da preferire le carni rosse o le frattaglie. Le frattaglie sono ancora più ricche di ferro degli spinaci. I pesci grassi forniscono acidi grassi omega-3 essenziali per proteggere le fibre nervose e le membrane dei neuroni. Salmone, trota, tonno, sgombro o sardine non dovrebbero mancare nella vostra dieta.

Se volete saperne di più su cibo e memoria, leggete il nostro articolo sull’argomento!

Buona alimentazione e allenamento della memoria

Programmi di allenamento del cervello

 

Esistono molti modi per esercitare la memoria e le funzioni cognitive. La pratica quotidiana di esercizi cerebrali riduce il rischio di disturbi neurologici, poiché alcuni programmi agiscono su tutte le funzioni cognitive.

Il programma di allenamento cerebrale ROBERTO è stato progettato specificamente per gli adulti per mantenere il cervello sano attraverso esercizi divertenti e stimolanti. Contiene oltre 30 giochi cognitivi e si rivolge alla concentrazione, all’attenzione, ai riflessi, al linguaggio e a molte altre funzioni cognitive.

Altri articoli che potrebbero interessarvi: