5/5 - (1 vote)

Alunni con esigenze speciali

 

L’educazione inclusiva è una sfida per tutti i sistemi educativi del mondo. Gli alunni con disabilità cognitive hanno esigenze particolari che non sono sempre facilmente identificabili o risolvibili. Le disabilità cognitive possono assumere forme diverse e colpire gli studenti in modi diversi. Tra i disturbi cognitivi più comuni vi sono la dislessia, che colpisce la capacità di leggere e comprendere la parola scritta, la discalculia, che colpisce la comprensione dei numeri e delle operazioni matematiche, e la disprassia, che colpisce la coordinazione motoria e la pianificazione delle azioni. Anche altri disturbi cognitivi possono colpire gli studenti delle scuole medie, come il disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD), che influisce sulla concentrazione e sulla regolazione del comportamento, e il disturbo dello spettro autistico (ASD), che influisce sulle abilità sociali, sulla comunicazione e sul comportamento. È importante riconoscere questi diversi disturbi e mettere in atto soluzioni adeguate per soddisfare le esigenze specifiche degli alunni con disabilità cognitive.

  1. Dislessia: difficoltà nella lettura e nella comprensione della parola scritta, che può manifestarsi con errori di lettura, lettura lenta e laboriosa o difficoltà a comprendere il significato delle parole. Un esempio concreto potrebbe essere uno studente che ha difficoltà a leggere le istruzioni di un esercizio o che spesso confonde parole simili.
  2. Discalculia: difficoltà di comprensione dei numeri e delle operazioni matematiche, che può comportare errori di calcolo, difficoltà a risolvere problemi matematici o difficoltà a comprendere i concetti di base della numerazione. Un esempio concreto potrebbe essere quello di uno scolaro che ha difficoltà a eseguire operazioni di base, a comprendere le frazioni o a risolvere problemi matematici.

3. Disprassia: difficoltà nella pianificazione e nell’esecuzione di movimenti coordinati, che può tradursi in scarsa coordinazione motoria, difficoltà nell’esecuzione di compiti di motricità fine o difficoltà nel seguire sequenze complesse di azioni. Un esempio concreto potrebbe essere quello di uno scolaro che ha difficoltà a scrivere in modo leggibile o a usare le forbici per ritagliare le forme.

4. Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività (ADHD ): disturbo che colpisce la capacità di concentrazione, di regolare il comportamento e di organizzare il pensiero, con conseguente difficoltà a rimanere concentrati su un compito, impulsività o difficoltà a organizzarsi. Un esempio concreto potrebbe essere uno studente che ha difficoltà a prestare attenzione durante le lezioni o che è spesso distratto da stimoli esterni.

5. Disturbo dello spettro autistico (ASD ): disturbo che colpisce le abilità sociali, la comunicazione e il comportamento e che può comportare difficoltà di interazione con gli altri, uso atipico del linguaggio o comportamenti ripetitivi e stereotipati. Un esempio concreto potrebbe essere uno studente che ha difficoltà a comprendere le emozioni degli altri o che usa un linguaggio monotono e ripetitivo.

Diverse soluzioni per sostenere gli alunni con esigenze speciali

 

Le difficoltà incontrate da questi alunni possono essere di tipo accademico, sociale o emotivo. Per rispondere a queste esigenze, vengono messe in atto diverse soluzioni per gli alunni con disabilità cognitive.

 

Risorse educative

Le risorse didattiche sono strumenti indispensabili per la cura degli alunni con disabilità cognitive. Gli alunni hanno bisogno di materiali didattici adatti al loro livello e al loro ritmo di apprendimento. Le risorse didattiche possono includere ausili visivi, strumenti digitali, audiolibri e software specifici. Queste risorse consentono agli studenti di lavorare al proprio ritmo e di sviluppare le competenze in base alle proprie esigenze.

ROBERTO, il vostro allenatore del cervello, è un’applicazione con più di 30 giochi per ripassare matematica, letteratura, ortografia, storia, geografia… L’applicazione è adattata agli alunni con disturbi cognitivi o disturbi DSA (dislessia, discalculia, disprassia…) .

L’applicazione Roberto è infatti intuitiva e permette agli studenti di utilizzarla in modo indipendente. Inoltre, vengono adattati i colori e l’organizzazione delle attività. Questo permette allo studente disabile di imparare al proprio ritmo e di concentrarsi sul compito da svolgere e non sulle difficoltà. Infine, nell’applicazione ROBERTO è possibile seguire l’evoluzione nel tempo con grafici sul tasso di successo per partita e sulle funzioni cognitive lavorate. Questo può essere utilizzato dagli studenti per motivarli a migliorare e a riconoscere le proprie capacità o debolezze. I genitori o gli insegnanti possono anche consultare le statistiche per analizzare i progressi e avere una panoramica del lavoro svolto.

Roberto-logo-stimolazionecognitiva

Scaricate ROBERTO, il vostro allenatore del cervello, con una prova di 7 giorni.

playstore-IT-new

Strutture educative

L’obiettivo degli adattamenti didattici è quello di adattare l’insegnamento alle esigenze degli studenti con disabilità cognitive. Gli accomodamenti possono includere adattamenti alla presentazione del materiale didattico, modifiche ai metodi di valutazione e adattamenti alla durata degli esami. Questi adattamenti consentono agli studenti di comprendere meglio le lezioni e di concentrarsi meglio sulle attività scolastiche.

 

Assistenti alla vita scolastica

Gli assistenti scolastici sono professionisti dell’educazione che aiutano gli studenti con disabilità cognitive nella loro vita quotidiana a scuola. Gli assistenti aiutano gli studenti a comprendere le istruzioni degli insegnanti, a concentrarsi sulle attività scolastiche e a interagire meglio con gli altri studenti. Possono anche aiutare gli alunni a muoversi all’interno della scuola e a usare i servizi igienici.

 

Programmi di accompagnamento

I programmi di accompagnamento sono programmi di sostegno per gli alunni con disabilità cognitive. Questi programmi sono concepiti per aiutare gli studenti a sviluppare le loro capacità sociali, emotive e cognitive. I programmi di sostegno possono includere sessioni di terapia individuale o di gruppo, attività di socializzazione e di gioco.

 

Programmi di sostegno alla genitorialità

I genitori di studenti con disabilità cognitive hanno bisogno di sostegno per aiutare i loro figli a crescere a scuola e nella vita quotidiana. I programmi di sostegno alla genitorialità possono includere formazione per i genitori, gruppi di sostegno e consulenza con professionisti per soddisfare le esigenze dei genitori. Questi programmi hanno lo scopo di aiutare i genitori a comprendere meglio le esigenze dei loro figli e a interagire con loro.

 

Formazione degli insegnanti

La formazione degli insegnanti è essenziale per migliorare l’inclusione scolastica degli alunni con disabilità cognitive. Gli insegnanti devono essere formati all’insegnamento differenziato, all’uso di risorse didattiche adattate e alla gestione degli studenti con disabilità cognitive. Gli insegnanti devono anche essere formati ad ascoltare attivamente, a comprendere le esigenze specifiche degli alunni e ad adattare il loro insegnamento per soddisfare tali esigenze.

classe education coco pense et coco bouge

Tecnologie e disturbi dell’apprendimento

Questo webinar è pensato per gli insegnanti delle scuole medie per conoscere le difficoltà di apprendimento nella scuola media e come la tecnologia può aiutare questi studenti. Il webinar prevede una prima parte teorica sui disturbi dell’apprendimento (dislessia, disortografia, discalculia, disprassia…) e una seconda parte pratica con consigli e strategie da attuare.

 

Tecnologie assistive

Le tecnologie assistive sono strumenti tecnologici che aiutano gli studenti con disabilità cognitive a interagire meglio con il loro ambiente. Le tecnologie assistive possono includere software di riconoscimento vocale, applicazioni per la lettura di testi e software di pianificazione e organizzazione. Queste tecnologie consentono agli studenti di adattarsi meglio all’ambiente e di comunicare meglio con gli altri.

Esistono molte tecnologie assistive che possono aiutare gli alunni con disabilità cognitive ad adattarsi meglio all’ambiente scolastico e a facilitare il loro apprendimento. Di seguito sono riportati alcuni esempi:

 

Software di lettura audio Questo software consente agli studenti dislessici o con difficoltà di lettura di farsi leggere il testo ad alta voce.

Lavagne interattive Queste lavagne sono strumenti didattici interattivi che consentono agli studenti di visualizzare e interagire con i contenuti in modo più intuitivo.

Software di correzione grammaticale Questo software permette agli studenti con difficoltà grammaticali di correggere i loro errori di sintassi e grammatica in tempo reale.

Applicazioni per la gestione del tempo Queste applicazioni aiutano gli studenti a organizzare meglio il loro tempo e a rispettare le scadenze, ricordando loro i compiti da portare a termine.

Software per la creazione di mappe mentali Questo software permette agli studenti di visualizzare e strutturare i loro pensieri in modo visivo creando mappe mentali.

Ausili tecnici per la scrittura Ausili tecnici per la scrittura: sono strumenti che facilitano l’uso della penna, la scrittura e la correzione degli errori, come penne ergonomiche, software di riconoscimento della scrittura o correttori ortografici.

riproduzione audio per persone con disabilità

Lettori di documenti portatili Questi lettori consentono agli studenti di scansionare i documenti e di leggerli ad alta voce, facilitando l’accesso alle informazioni.

Queste tecnologie assistive possono aiutare gli alunni con disabilità cognitive ad adattarsi meglio all’ambiente scolastico e a facilitare il loro apprendimento. È importante conoscere le diverse tecnologie disponibili e integrarle nel sostegno di questi studenti.

 

Partnership con associazioni e professionisti della salute

 

I partenariati con le associazioni e gli operatori sanitari sono essenziali per soddisfare le esigenze degli studenti con disabilità cognitive. Le associazioni possono fornire risorse educative e consigli per insegnanti e genitori. Gli operatori sanitari possono aiutare gli insegnanti a comprendere meglio le esigenze degli studenti e ad adattare meglio il loro insegnamento.

Esistono molte associazioni che accompagnano gli alunni con disabilità cognitive e offrono servizi specifici e supporto per soddisfare le loro esigenze. 

Sensibilizzazione e lotta allo stigma

 

La sensibilizzazione e la lotta allo stigma sono essenziali per migliorare l’inclusione scolastica degli alunni con disabilità cognitive. Gli alunni con disabilità cognitive possono essere discriminati e stigmatizzati. La sensibilizzazione e la lotta allo stigma promuovono un’educazione inclusiva e creano un ambiente rispettoso e inclusivo per tutti gli studenti. Lo stigma è un problema importante per gli studenti con disabilità. Può manifestarsi in modi diversi, come il rifiuto, la derisione o la discriminazione. Per combattere questo fenomeno, è importante sensibilizzare la comunità educativa e gli studenti sul tema della diversità e dell’inclusione. Questo può essere fatto organizzando attività di sensibilizzazione, lezioni, laboratori o progetti che coinvolgano studenti con disabilità e altri studenti. È inoltre essenziale promuovere interazioni positive tra gli studenti, incoraggiando gli scambi e la cooperazione. Anche gli insegnanti possono svolgere un ruolo importante nel sostenere gli studenti con disabilità e nel fornire loro l’opportunità di partecipare pienamente alla vita scolastica. Infine, è importante far capire agli studenti che la diversità è una ricchezza e che ognuno ha un posto nella società. Adottando un atteggiamento positivo e inclusivo nei confronti degli studenti con disabilità, possiamo creare un ambiente scolastico in cui tutti sono rispettati e valorizzati.

Roberto-logo-stimolazionecognitiva

Scaricate ROBERTO, il vostro allenatore del cervello, con una prova di 7 giorni.

playstore-IT-new

Altri articoli che potrebbero interessarvi: