5/5 - (21 votes)

Lo sapevate? La qualità del sonno svolge un ruolo importante nella qualità dell’apprendimento, della memoria e, più in generale, delle funzioni cognitive. Tuttavia, con l’età, la qualità del sonno cambia. Inoltre, possono verificarsi alcuni disturbi del sonno. La soluzione per continuare a dormire bene e rimanere in forma? Adattate il vostro stile di vita!

 

L’evoluzione del sonno con l’età

 

Una notte di sonno è composta da cicli, a loro volta composti da 3 fasi:

  • Sonno leggero
  • Sonno profondo

  • Sonno REM

In primo luogo, c’è il sonno leggero, che corrisponde a una fase di addormentamento e a un sonno durante il quale i muscoli e il cervello si addormentano. Tuttavia, un suono o una luce inaspettati potrebbero svegliarvi. È durante il sonno profondo che il corpo e la mente si rilassano completamente: è quindi la fase più riposante. Infine, il sonno REM è caratterizzato da una ripresa dell’attività cerebrale, mentre i muscoli rimangono rilassati. Questa fase è quindi caratterizzata da sogni… o incubi!

A partire dai 50 anni, le fasi di sonno profondo tendono ad accorciarsi, mentre quelle di sonno leggero si allungano. La notte degli anziani è scandita da un maggior numero di micro-risvegli e il corpo ha bisogno di più tempo per recuperare.

Gli studi tendono a indicare altri cambiamenti fisiologici. Ciò rende più difficile per l’organismo regolarsi in caso di freddo o caldo, il che contribuisce a prolungare il periodo di sonno. Gli anziani tendono quindi ad avere notti lunghe: dormono in media 7,13 ore durante la settimana e 7,30 ore nel fine settimana, cioè quasi un’ora in più rispetto ai loro coetanei più giovani.

 

Disturbi del sonno negli anziani

 

L’apnea notturna e il russare sono più probabili con l’età. Se da un lato questo può disturbare il sonno del vostro partner, dall’altro queste pause nella respirazione possono essere collegate a una serie di condizioni, tra cui le malattie cardiache. Si raccomanda pertanto di consultare rapidamente il medico per ricevere un trattamento adeguato.

Alcuni trattamenti possono anche disturbare il sonno. Questo vale in particolare per i corticosteroidi, i diuretici e i beta-bloccanti. In tal caso, è opportuno parlarne con il medico di famiglia.

Tendete a rigirarvi nel sonno? Forse fate parte del 4% delle persone che soffrono della sindrome delle gambe senza riposo. Tuttavia, è possibile che il sonno sia più agitato che in passato. Questo interrompe il sonno… e può causare qualche livido al partner. Se questi problemi diventano troppo invadenti, si consiglia nuovamente di rivolgersi al medico di famiglia.

Buono a sapersi: molti anziani si svegliano molto presto e non riescono più a dormire. Questo fenomeno viene spesso scambiato per insonnia. In realtà, si tratta generalmente di un leggero spostamento dell’orologio interno, che porta ad andare a letto troppo presto… e a svegliarsi quindi troppo presto!

 

Come dormire bene da anziani

 

Se è saggio consultare un medico in caso di disturbi del sonno persistenti, il trattamento medico è tutt’altro che inevitabile! In effetti, a volte bastano pochi accorgimenti per continuare a dormire bene e a sentirsi bene anche dopo i 50 anni.

Avete problemi a dormire? Innanzitutto, assicuratevi che l’ambiente in cui dormite sia adatto! Fare attenzione a non surriscaldare la stanza e mantenere la temperatura a 18°C. Non esitate a investire in piumini adatti a ogni stagione, in modo da non avere mai troppo caldo o troppo freddo. Concedetevi anche un buon cuscino.

Adottate alcune sane abitudini:

  • Fate attività fisica, preferibilmente al mattino
  • Consumare i pasti a orari regolari
  • Non esagerate con gli stimolanti: tè, caffè, ecc..
  • Optate per una cena leggera, scegliendo uno zucchero leggero

Infine, assicuratevi di prendere quanta più luce solare possibile: questo manterrà il vostro orologio corporeo in un ritmo ottimale!

Legame tra memoria e sonno

 

Esiste un legame tra la memoria e il sonno. La fase del sonno più importante per la memoria è il sonno profondo. Questa fase ha due funzioni: preparare i circuiti cerebrali a raccogliere nuove informazioni e assicurare il consolidamento delle informazioni già codificate. Durante il sonno profondo si consolidano soprattutto le informazioni relative alla memoria dichiarativa (episodica e semantica). Questa memoria è legata alle nostre esperienze personali.

D’altra parte, durante il sonno leggero si consolida la memoria procedurale, cioè la memoria legata alle abilità motorie e percettive.

In generale, è durante il sonno che il nostro cervello decide se le informazioni raccolte durante il giorno sono importanti o meno. Pertanto, il sistema provvederà a organizzare le informazioni. Le informazioni importanti saranno inviate alla memoria a lungo termine. Al contrario, le informazioni meno importanti saranno dimenticate.

I sogni sono legati alla memoria?

 

Sì, i sogni sono legati alla memoria! Quando sogniamo, vediamo immagini legate alle nostre conoscenze o esperienze. I sogni sono considerati riattivazioni cerebrali che corrispondono al ricordo di esperienze recenti.

Naturalmente, a volte i sogni sono assurdi, a volte rappresentano cose che non sono ancora accadute. In ogni caso, i sogni si basano sulle nostre emozioni e sulle esperienze precedenti. Non è necessario cercare di trovare un significato ai sogni, anche se è una pratica molto diffusa. È vero che, essendo legati alle nostre esperienze, i sogni hanno quasi sempre un significato. Ma questo significato può essere molto profondo o particolarmente astratto.

Sappiamo quindi che i sogni sono legati ai nostri ricordi, ma non è ancora noto se i sogni aiutino o meno a consolidare le nuove informazioni.

Spesso non ricordiamo i sogni che facciamo, ed è normale. Per ricordare i sogni, bisogna svegliarsi subito dopo averli fatti.

Legame tra attenzione e sonno

 

Durante il giorno hai difficoltà a concentrarti? I rumori intorno a te ti distraggono più facilmente? Perdi il filo del discorso? La causa può essere l’insonnia.

In effetti, la concentrazione e il sonno sono collegati.

Sempre più persone soffrono di disturbi del sonno. Prima della pandemia, il 10% degli adulti soffriva di insonnia. Dopo la pandemia, la percentuale è salita al 26%.

Gli studi hanno dimostrato che quando una persona dorme male, la sua capacità di concentrazione è limitata. Questo perché il tempo di risposta del cervello è più lungo e il cervello non riesce a smistare le informazioni che riceve.

Allenare le funzioni cognitive con il coach ROBERTO

Programmi di allenamento del cervello

 

Esistono molti modi per esercitare la memoria e le funzioni cognitive. La pratica quotidiana di esercizi cerebrali riduce il rischio di disturbi neurologici, poiché alcuni programmi agiscono su tutte le funzioni cognitive.

Il programma di allenamento cerebrale ROBERTO è stato progettato specificamente per gli adulti per mantenere il cervello sano attraverso esercizi divertenti e stimolanti. Contiene oltre 30 giochi cognitivi e si rivolge alla concentrazione, all’attenzione, ai riflessi, al linguaggio e a molte altre funzioni cognitive.

Altri articoli che potrebbero interessarvi: