I benefici dell’allenamento cognitivo per lo stress post-traumatico

5/5 - (2 votes)

Il disturbo post-traumatico da stress (PTSD) è un disturbo mentale che può insorgere dopo aver vissuto o assistito a un evento traumatico, come un incidente, un’aggressione o una violenza. I sintomi della STP possono includere incubi, flashback, ansia, irritabilità, depressione e insonnia.

Tuttavia, l’allenamento cerebrale può offrire una soluzione alle persone affette da PTS. I benefici dell’allenamento cerebrale per le persone affette da PTS possono essere numerosi, tra cui il miglioramento della memoria, dell’attenzione, della concentrazione e della regolazione emotiva.

 

Che cos’è il disturbo post-traumatico da stress?

 

Il TPS è una reazione normale a un’esperienza anormale. Dopo un evento traumatico, il corpo e la mente subiscono uno shock che può portare a cambiamenti fisiologici, emotivi e cognitivi. Il cervello reagisce producendo ormoni dello stress, come l’adrenalina e il cortisolo, che possono causare sintomi come agitazione, insonnia e iper-vigilanza.

La STP può essere diagnosticata da un professionista della salute mentale, come uno psichiatra o uno psicologo. La diagnosi si basa solitamente su una valutazione clinica dei sintomi e della storia della persona. Il trattamento della STP può comprendere la terapia cognitivo-comportamentale, la terapia di esposizione, i farmaci o una combinazione di questi approcci.

Un esempio comune di STP è rappresentato dai veterani di guerra che sono stati esposti a situazioni di combattimento. I veterani possono sviluppare sintomi di STP dopo essere stati esposti a combattimenti intensi, attacchi dinamitardi o atti di terrorismo. I sintomi possono includere incubi, flashback, ansia costante, ipervigilanza, irritabilità, depressione e intenso disagio emotivo.

 

Quali sono i meccanismi di difesa del nostro cervello di fronte ai traumi?

 

Rifiuto

Questo è uno dei meccanismi di difesa più comuni. Consiste nel negare la realtà dell’evento traumatico o nel minimizzarne la gravità per proteggersi dal dolore emotivo. Ad esempio, una persona che ha subito uno stupro può negare l’aggressione o minimizzare l’impatto che ha avuto sulla sua vita.

Dissociazione

È uno stato di assenza o disconnessione emotiva che protegge dal dolore emotivo dell’evento traumatico. Ad esempio, una persona che ha subito un incidente stradale può sentirsi scollegata dal proprio corpo o dalla realtà.

 

La proiezione

Questo è un altro meccanismo di difesa che il nostro cervello può utilizzare per far fronte al trauma. Si tratta di proiettare le proprie emozioni, pensieri e sentimenti sugli altri per evitare di provarli noi stessi. Ad esempio, una persona che ha subito abusi può proiettare la propria rabbia sugli altri piuttosto che affrontarla in prima persona.

adultes-trouble-cognitif-santémentale

Sublimazione

La sublimazione è un meccanismo positivo per trasformare le emozioni negative in comportamenti costruttivi. Per esempio, un sopravvissuto al cancro può decidere di fare del volontariato per aiutare altri pazienti ad affrontare la malattia.

 

Quali sono i sintomi del disturbo da stress post-traumatico?

 

Rinascita

Si riferisce a ricordi intrusivi e flashback dell’evento traumatico. Le persone affette da PTSD possono rivivere l’esperienza traumatica ripetutamente e involontariamente, anche anni dopo l’incidente iniziale. Per esempio, una vittima di violenza sessuale può rivivere il momento dell’aggressione ripetutamente, con dettagli vividi e con un’elevata intensità emotiva.

 

Evitare

Si tratta di un comportamento di evitamento o di ritiro da qualsiasi situazione che possa ricordare l’evento traumatico. Le persone affette da PTSD possono evitare luoghi, persone o attività che potrebbero scatenare ricordi dolorosi. Per esempio, una persona che è stata coinvolta in un incidente stradale può evitare di guidare o di essere passeggero di un veicolo, anche se questo limita la sua vita sociale e professionale.

 

Iperattività neurovegetativa

È uno stato di iperattivazione del sistema nervoso autonomo, che si manifesta con sintomi fisiologici quali sudorazione, palpitazioni, iperventilazione e insonnia. Questi sintomi sono una risposta normale a un pericolo imminente, ma nelle persone affette da PTSD sono scatenati da stimoli che non sono effettivamente pericolosi. Per esempio, una persona che ha subito un’aggressione può essere ipervigile e reagire in modo eccessivo a rumori forti o a situazioni che non rappresentano un pericolo immediato.

Questi tre sintomi del PTSD possono essere molto invalidanti per chi ne soffre, in quanto interferiscono con la capacità di condurre una vita normale. I trattamenti per il PTSD mirano ad aiutare i pazienti a superare questi sintomi riducendone l’intensità e la frequenza, per aiutarli a riprendere il controllo della propria vita e del proprio benessere mentale.

 

Perché i ricordi traumatici sono così vividi e persistenti?

Il cervello delle persone affette da PTSD elabora le informazioni traumatiche in modo diverso dalle altre, il che può rendere più difficile dimenticarle. I ricordi traumatici sono immagazzinati nella memoria a lungo termine come “memoria implicita”, una forma di memoria automatica e inconscia. Questa forma di memoria è normalmente riservata all’apprendimento semplice e ripetitivo, ma nel caso dei ricordi traumatici è iperattivata e i ricordi vengono immagazzinati in modo più permanente.

Inoltre, il cervello delle persone con PTSD elabora i ricordi traumatici in regioni cerebrali diverse da quelle coinvolte nell’elaborazione dei ricordi ordinari. I ricordi traumatici sono immagazzinati nell’amigdala, una regione del cervello coinvolta nella risposta emotiva al pericolo. Questa iperattivazione dell’amigdala può spiegare perché i ricordi traumatici sono così emotivamente intensi e perché possono essere così difficili da controllare.

ansia_sociale_salute_mentale

In definitiva, le persone affette da PTSD hanno spesso difficoltà a distinguere i ricordi traumatici dal presente, il che può portare a flashback e a rivivere. Questa confusione tra ricordi passati e presenti può essere dovuta a un’alterazione dell’ippocampo, una regione del cervello coinvolta nella formazione di nuovi ricordi e nella distinzione tra eventi passati e presenti.

 

I benefici dell’allenamento cognitivo per le persone con PTSD

 

Le loro emozioni

In primo luogo, il training di mindfulness può aiutare i pazienti a gestire meglio le emozioni e a ridurre la reattività emotiva ai ricordi traumatici. Imparando a riconoscere e ad accettare le proprie emozioni senza giudicarle o evitarle, i pazienti possono regolare meglio il proprio stato emotivo e ridurre l’ansia, la rabbia e la tristezza.

Capacità di concentrazione e memorizzazione

 

In secondo luogo, l’allenamento cerebrale può migliorare la capacità di concentrazione e di memoria dei pazienti, che può essere compromessa dal PTSD. Migliorando l’attenzione e la memoria, i pazienti possono concentrarsi meglio sulle attività quotidiane ed evitare di essere sopraffatti dai ricordi traumatici.

tabella_funzionicognitive_atelier_memoria

Gli effetti dell’allenamento cognitivo sul meccanismo della memoria

 

I ricordi

È vero che l’allenamento cognitivo può aiutare le persone a recuperare la memoria, soprattutto in caso di disturbi della memoria o lesioni cerebrali. Le tecniche di allenamento cognitivo mirano a rafforzare le connessioni tra le diverse aree cerebrali, migliorando la capacità del cervello di immagazzinare e recuperare i ricordi.

Per esempio, la meditazione mindfulness è una tecnica di allenamento cerebrale che è stata utilizzata con successo per migliorare il recupero della memoria nelle persone con disturbi della memoria. La meditazione Mindfulness consiste nel concentrarsi sul momento presente prestando attenzione ai pensieri, alle emozioni e alle sensazioni del corpo. Questa pratica può aiutare a ridurre lo stress e l’ansia, che possono ostacolare il recupero della memoria.

Un’altra tecnica di allenamento cerebrale che può aiutare a recuperare i ricordi è la stimolazione elettrica transcranica (TES). Questa tecnica prevede l’applicazione di una lieve stimolazione elettrica al cuoio capelluto per stimolare aree specifiche del cervello coinvolte nel recupero della memoria.

 

Risoluzione dei problemi

L’allenamento cerebrale può aiutare le persone a migliorare le loro capacità di risoluzione dei problemi. Il problem solving è un’abilità cognitiva essenziale che può essere utilizzata in tutti gli aspetti della vita, sia per risolvere problemi professionali, personali o sociali.

I bambini possono beneficiare dell’allenamento cerebrale sviluppando la capacità di risolvere problemi complessi, migliorando l’attenzione e la concentrazione e rafforzando la memoria a breve termine. Negli adulti, l’allenamento cerebrale può aiutare a migliorare la risoluzione dei problemi nel lavoro, nella vita personale e nelle relazioni sociali. Anche gli anziani possono trarre beneficio dall’allenamento cerebrale, migliorando la memoria a breve termine, le capacità di pensiero logico e l’attenzione.

È importante notare che il brain training non deve essere considerato una panacea per tutti i problemi cognitivi. È sempre importante consultare un professionista della salute prima di iniziare qualsiasi programma di allenamento cerebrale.

Allena il tuo cervello con ROBERTO

L’allenamento cerebrale per migliorare la risoluzione dei problemi può assumere diverse forme, tra cui giochi di logica, puzzle, rompicapo, esercizi di memoria e altre attività che stimolano il cervello. Queste attività possono aiutare a migliorare la concentrazione, la memoria a breve termine, le capacità di pensiero logico e la creatività, tutte abilità importanti per la risoluzione dei problemi.

Il programma di allenamento cerebrale ROBERTO è stato progettato specificamente per gli adulti per mantenere il cervello sano attraverso esercizi divertenti e stimolanti. Contiene oltre 30 giochi cognitivi e si rivolge alla concentrazione, all’attenzione, ai riflessi, al linguaggio e a molte altre funzioni cognitive.

Roberto-logo-stimolazionecognitiva

Scaricate ROBERTO, il vostro allenatore del cervello, con una prova di 7 giorni.

playstore-IT-new

Altri articoli che potrebbero interessarvi:

Ottimizzato da Optimole