5/5 - (4 votes)

Un ictus è un fenomeno comune che interessa milioni di persone ogni anno, e può influire sulle condizioni neurologiche di una persona, e anche portare alla morte. Le persone che sono sopravvissute ad un ictus hanno spesso bisogno di una riabilitazione per riprendersi.

 

COS’È UN ICTUS?

 

Per performer bene, il nostro corpo ha bisogno di ossigeno ma anche di nutrienti che sono trasportati dal sangue. Il sangue è trasportato interno le arterie carotidi interne. Ci sono due tipi di ictus.

  • Ictus ischemico

Un ictus ischemico avviene quando una piccola arteria cerebrale è ostruita da una trombosi (coagulo di sangue), che si forma nel cuore, o come risultato di alcune cellule di sangue che si aggregano intorno ad una placca di colesterolo. Come risultato, la parte del cervello che non è irrigata non riceve abbastanza ossigeno: c’è una necrosi.

 

  • Ictus emorragico

L’Ictus Emorragico avviene a causa della rottura di una arteria intra cranica. Questo avviene a causa dell’età, condizioni della pressione del sangue, fumo, diabete… In seguito a questa rottura, si formerà un ematoma intracerebrale. Inoltre, la rottura può essere causata anche da un aneurisma. C’è una malformazione dell’arteria che la rende più debole.

 

COME SI TRATTA UN ICTUS?

 

Il trattamento di un ictus varia in base alla sua origine.

  • Ictus ischemico

Un ictus ischemico è causato dallo sviluppo di un coagulo nel sangue. Per curarlo, si utilizza un micro-catetere per rimuovere il coagulo.  L’operazione è svolta a mano e si chiama trombectomia. C’è anche la trombolisi intravenosa. Questo metodo consiste nell’iniettare nella vena una sostanza che dissolverà il coagulo. Questo modo è meno pericoloso ed aumenta le probabilità di sopravvivenza del paziente.

  • Ictus legato ad una emorragia

Per curare questo tipo di ictus, bisogna controllare attentamente la pressione sanguigna, per non danneggiare il cervello. Quando questo avviene, può essere effettuata un’operazione per rimuovere l’ematoma.

  • Ictus indotto da un aneurisma

Per un aneurisma, i chirurghi effettueranno una embolizzazione. Il chirurgo bloccherà l’arteria cerebrale infetta attraverso l’arteria femorale. Un’altra procedura consiste nell’operare il cranio per separare l’arteria dal resto del flusso sanguigno.

 

PERCHÈ È NECESSARIA UNA RIEDUCAZIONE DOPO UN ICTUS?

 

La rieducazione consiste nell’applicare i metodi terapeutici attraverso l’utilizzo di strumenti specifici, per migliorare la salute e le condizioni del paziente. Infatti, la rieducazione è essenziale per la ripresa del paziente.

  • Per recuperare le funzioni perse

Gli ictus causano danneggiamenti importanti al sistema nervoso del paziente, inclusa la distruzione dei neuroni. Per compensare quelle perdite, il paziente deve fare degli esercizi di riabilitazione per stimolare nuovamente il cervello. Questo lo aiuterà a riorganizzare ciò che rimane delle reti neuronali per rimpiazzare i neuroni persi. Per ottenere un recupero del cervello funzionale, il paziente deve fare degli esercizi specifici, ripetuti per un periodo di tempo variabile che dipende dal caso.

  • Per evitare ulteriori complicazioni

Possibili complicazioni includono la paralisi generale, spasticità che progredirà per ritrarre i muscoli, dolore muscolare o problemi alle articolazioni, ma anche difficoltà nell’effettuare movimenti con gli arti. Sicuramente, appena un paziente è in grado di seguire dei programmi riabilitativi, è fondamentale seguirli per il suo benessere.

 

 CHI SONO I RIEDUCATORI?

 

I rieducatori seguono i chirurghi. Variano a seconda delle complicazioni.

  • Logopedisti

Gli individui con problemi di comunicazione dovrebbero consultare un logopedista. Inoltre, l’applicazione Roberto può aiutarti a casa con il tuo smartphone o tablet.

coach roberto memoria allenamento cerebrale
  • Fisioterapisti

Rieduca le persone che hanno sofferto di un ictus attraverso il movimento. La biglia che gira può essere uno strumento utile per lavorare sulla motricità fine.

labigliachegira_motricità_coordinazioneoculomanuale_giochi_
  • Ergoterapista

Questi professionisti curano i pazienti attraverso il lavoro manuale. Aiutano soprattutto le persone con problemi di concentrazione o problemi legati allo stato mentale e al comportamento.

La riabilitazione post ictus è probabilmente necessaria per sostenere i risultati.

Scoprite ROBERTO, il vostro coach cerebrale

coach roberto memoria allenamento cerebrale

Accompagnare una persona post-ictus

tabella-riassuntiva-stadi-ictus-roberto-sintomi-stimolazione-cognitiva

La biglia che gira, l’app per la motricità

labigliachegira_motricità_coordinazioneoculomanuale_giochi_

SEGUITE UN PROGRAMMA DI ALLENAMENTO SPECIFICO PER ATTENZIONE, MEMORIA, LINGUAGGIO, PIANIFICAZIONE E PERCEZIONE

Il vostro coach Roberto propone degli allenamenti in PDF per allenare le funzioni cognitive a casa vostra. L’allenamento dura 4 settimane, con 15 minuti di esercizi al giorno.

Il programma di allenamento é un supporto all’utilizzo dei nostri giochi cognitivi su tablet, per utilizzarli in base ai vostri bisogni.

Oltre alle attività, nel programma troverete anche dei cosigli pratici e delle spiegazioni semplici sulle funzioni cognitive e il loro utilizzo nella vita quotidiana.

Allenatevi al vostro ritmo con il nostro coach ROBERTO!

programmi_allenamento_roberto_copertina

Ricevere i programmi completi

Quale programma vi interessa?

Altri articoli che potrebbero interessarvi: