Rate this post
L’ictus è una condizione medica grave che si verifica quando il flusso di sangue al cervello viene interrotto, causando danni alle cellule cerebrali. L’ictus può avere conseguenze fisiche e cognitive significative, ma è altrettanto importante parlare delle conseguenze psicologiche e del processo di ricostruzione che segue l’ictus. La salute mentale ed emotiva di una persona dopo un ictus è spesso trascurata, ma gioca un ruolo cruciale nella sua capacità di recuperare e riacquistare una qualità di vita soddisfacente.

Le conseguenze psicologiche di un ictus

Un ictus può avere un notevole impatto emotivo su una persona. Le persone possono sentirsi tristi, arrabbiate, frustrate e ansiose per i cambiamenti improvvisi che devono affrontare. Può anche avere difficoltà ad accettare la sua nuova realtà e ad affrontare le limitazioni fisiche e cognitive che ciò comporta. Anche la depressione è comune dopo un ictus, poiché le persone possono sentirsi sopraffatte dalle sfide che devono affrontare e perdere la speranza in un futuro migliore.

Anche i cambiamenti nella personalità e nel comportamento sono comuni dopo un ictus. La persona può diventare più irritabile, impulsiva o apatica a causa del danno cerebrale. Può anche avere difficoltà a controllare le emozioni e ad adattarsi alle situazioni sociali. Questi cambiamenti possono essere difficili da gestire per la persona stessa e per chi le sta vicino, causando tensioni nelle relazioni familiari e sociali.

Le fasi della ricostruzione dopo un ictus

La ricostruzione dopo un ictus si svolge generalmente in tre fasi: la fase acuta, la fase di riabilitazione e la fase di recupero a lungo termine.

La fase acuta si verifica subito dopo l’ictus e si concentra sulla stabilizzazione dello stato di salute della persona. Vengono fornite cure mediche di emergenza per ridurre al minimo i danni cerebrali e prevenire ulteriori complicazioni. Questa fase è spesso molto stressante per il paziente e la sua famiglia, poiché richiede il ricovero in ospedale e una stretta sorveglianza medica.

La fase di riabilitazione inizia quando lo stato di salute della persona si è stabilizzato. L’obiettivo è aiutare le persone a recuperare le proprie capacità fisiche e cognitive attraverso sessioni di terapia fisica, occupazionale e logopedica. Questa fase può essere lunga e impegnativa, ma è essenziale per aiutare la persona a ritrovare la propria indipendenza e qualità di vita.

La fase di recupero a lungo termine continua anche dopo la fine della riabilitazione formale. Si tratta di mantenere i progressi fatti durante la riabilitazione e di continuare a lavorare sulle aree che necessitano ancora di miglioramenti. Questa fase può durare anni o addirittura tutta la vita, poiché è importante continuare a prendersi cura della propria salute fisica e mentale per evitare complicazioni a lungo termine.

Come ridefinire la propria identità dopo un ictus

Dopo un ictus, è comune che le persone sperimentino significativi cambiamenti fisici e cognitivi. Può essere difficile affrontare questi cambiamenti e adattarsi a una nuova realtà. Tuttavia, è possibile ridefinire la propria identità e trovare un nuovo significato nella vita dopo un ictus.

Per far fronte ai cambiamenti fisici e cognitivi, è importante imparare ad adattarsi e trovare modi alternativi per svolgere le attività quotidiane. Ciò può comportare l’utilizzo di ausili tecnici, l’apprendimento di nuove abilità o l’adattamento di attività per renderle più accessibili. L’accettazione di una nuova normalità è essenziale anche per evitare di paragonarsi alla persona che si aveva prima dell’ictus e per concentrarsi sui progressi compiuti.

Trovare uno scopo e un significato nella vita dopo un ictus può essere una sfida, ma è un passo importante nel processo di ricostruzione. Ciò può comportare la definizione di nuovi obiettivi realistici, la ricerca di nuove passioni e interessi o il coinvolgimento in attività di volontariato o comunitarie. Trovare un significato nella vita può aiutare le persone a ritrovare la fiducia in se stesse e a sentirsi apprezzate.

Le difficoltà della riabilitazione fisica

La riabilitazione fisica dopo un ictus può essere estremamente difficile a causa delle sfide fisiche da affrontare. La mobilità e la coordinazione possono essere compromesse, rendendo difficile svolgere attività quotidiane come alzarsi, camminare o vestirsi. Anche il dolore è un problema comune dopo un ictus, poiché i muscoli e le articolazioni possono diventare rigidi e doloranti a causa dell’inattività prolungata.

La fisioterapia svolge un ruolo fondamentale nella riabilitazione fisica dopo un ictus. L’obiettivo è aiutare le persone a recuperare la forza, la mobilità e la coordinazione attraverso esercizi specifici e tecniche di riabilitazione. La fisioterapia può anche aiutare ad alleviare il dolore e a migliorare la qualità di vita complessiva di una persona.

Impatto sulla vita professionale e sociale

Abcdhe 87, DYNSEO

Un ictus può avere un impatto significativo sulla vita professionale e sociale di una persona. Alcune persone potrebbero non essere in grado di tornare al lavoro dopo un ictus a causa di limitazioni fisiche o cognitive. Ciò può comportare una perdita di reddito e una minore autostima.

Anche la socializzazione può essere compromessa dopo un ictus. La persona può sentirsi isolata e sola a causa delle difficoltà a partecipare ad attività sociali o a mantenere relazioni con amici e familiari. È importante che le persone cerchino il sostegno di chi è loro vicino, si uniscano a gruppi di supporto o cerchino un aiuto professionale per affrontare queste sfide.

Strategie per ritrovare la fiducia in se stessi

Ritrovare la fiducia in se stessi dopo un ictus può sembrare insormontabile, ma con pazienza e determinazione molte persone sono riuscite a ritrovare la propria forza interiore. Ecco alcune strategie approfondite, accompagnate da esempi concreti e presentate sotto forma di punti chiave, che possono aiutarvi nel vostro percorso personale di recupero dell’autostima:

  1. Coltivare il pensiero positivo:
    • Esempio: creare un diario della gratitudine in cui annotare ogni giorno tre cose per cui si è grati. Può essere semplice come un buon pasto, una telefonata con un amico o persino riuscire a svolgere un compito da soli.
    • Suggerimento: iniziate la giornata con affermazioni positive. Ad esempio, ripetete frasi come “Sono capace” o “Sto migliorando un giorno alla volta”.
  2. Stabilire obiettivi raggiungibili:
    • Esempio: se l’obiettivo a lungo termine è tornare a camminare in modo indipendente, iniziate con obiettivi a breve termine, come stare in piedi con un supporto per qualche minuto al giorno.
    • Suggerimento: utilizzate il metodo SMART (Specific, Measurable, Achievable, Realistic, Time-bound) per definire i vostri obiettivi. Questo renderà il processo meno scoraggiante e più strutturato.
  3. Celebrare le piccole vittorie:
    • Esempio: concedetevi una ricompensa ogni volta che raggiungete un piccolo obiettivo, che si tratti di una pausa con il vostro snack preferito, di un momento di relax per guardare un film o di un piccolo regalo.
    • Suggerimento: se vi sentite a vostro agio, condividete i vostri progressi con amici e familiari o sui social network. Ricevere incoraggiamenti e congratulazioni può dare una grande spinta al vostro morale.
  4. Cercare il sostegno della famiglia e dei professionisti:
    • Esempio: organizzare incontri regolari con un terapeuta o partecipare a gruppi di sostegno per persone che hanno subito un ictus. Ascoltare le storie degli altri e condividere le proprie può essere incredibilmente potente.
    • Suggerimento: non esitate a chiedere aiuto per le attività quotidiane. Accettare l’aiuto non significa essere deboli, ma essere abbastanza forti da riconoscere quando si ha bisogno degli altri.
  5. Praticare la gentilezza verso se stessi:
    • Esempio: concedetevi del tempo per le vostre attività preferite o per gli hobby che vi rendono felici, anche se devono essere adattati alla vostra situazione attuale.
    • Suggerimento: siate pazienti e gentili con voi stessi. Il recupero da un ictus è un processo, e ci saranno giorni migliori e giorni più difficili. Riconoscerlo e accettarlo fa parte della guarigione.

Incorporando queste strategie nella vostra routine quotidiana, inizierete a vedere cambiamenti positivi nella percezione di voi stessi e nella fiducia nelle vostre capacità. Ricordare che ogni piccolo passo avanti è un progresso significativo può essere la base su cui ricostruire la fiducia in se stessi dopo un ictus.

 

 

La necessità di fissare nuovi obiettivi

Dopo un ictus, è importante fissare nuovi obiettivi per mantenere la motivazione e il senso di realizzazione. Avere un obiettivo nella vita può aiutare le persone a rimanere motivate e a continuare a lavorare sul proprio recupero. È importante fissare obiettivi realistici e raggiungibili, tenendo conto delle limitazioni fisiche e cognitive.

Anche trovare nuovi hobby e interessi può aiutare a ridefinire la propria identità dopo un ictus. Questo può essere un’opportunità per esplorare nuove attività adattate alle capacità attuali della persona. Può anche aiutarvi a conoscere nuove persone e ad ampliare la vostra rete sociale, il che è importante per il vostro benessere emotivo.

I benefici della riabilitazione cognitiva

La riabilitazione cognitiva è una parte essenziale del processo di ricostruzione dopo un ictus. Mira a migliorare la memoria, l’attenzione, la capacità di risolvere i problemi e le funzioni cognitive in generale. La rieducazione cognitiva può essere ottenuta attraverso esercizi specifici, tecniche di rieducazione e l’uso di strategie di coping.

Migliorare la memoria e l’attenzione può aiutare le persone a recuperare l’indipendenza e a riprendere le attività quotidiane. Rafforzare le capacità di problem solving può aiutare le persone ad affrontare le sfide quotidiane e a trovare soluzioni efficaci. La rieducazione cognitiva può anche migliorare la qualità di vita complessiva di una persona, consentendole di recuperare un certo grado di indipendenza e riducendo le frustrazioni associate alle difficoltà cognitive.

L’importanza di amici e familiari nel processo di ricostruzione

Il sostegno delle persone che vi circondano è fondamentale per ricostruire dopo un ictus. La famiglia e gli amici possono fornire sostegno emotivo, incoraggiamento e aiuto pratico per aiutare la persona ad affrontare le sfide quotidiane. Possono anche svolgere un ruolo importante nella motivazione e nel mantenimento di un atteggiamento positivo.

Anche partecipare a gruppi di sostegno può essere utile, in quanto permette di incontrare altre persone che hanno vissuto esperienze simili. Questi gruppi offrono uno spazio sicuro per condividere storie, consigli e strategie per affrontare le sfide dell’ictus. Possono anche fornire il sostegno emotivo e la comprensione reciproca che sono essenziali per la guarigione.

Risorse disponibili per supportare la ricostruzione dopo un ictus

 

Come parte del processo di ricostruzione dopo un ictus, l’accesso a risorse adeguate è essenziale per facilitare il recupero e migliorare la qualità della vita delle persone colpite. Ecco un elenco dettagliato di queste risorse, compresa una menzione speciale per “JOE, il tuo allenatore del cervello”, un’applicazione innovativa progettata per stimolare le facoltà cognitive colpite da ictus.

  1. Centri e programmi di riabilitazione:
    • Servizi offerti: terapia fisica, terapia occupazionale, logopedia e riabilitazione cognitiva.
    • Vantaggi: accesso a professionisti specializzati nella cura dei pazienti post-ictus, che possono accelerare notevolmente il processo di recupero.
  2. Risorse online:
    • Siti web e forum: offrono informazioni preziose, condividono esperienze e trovano sostegno emotivo.
    • Gruppi di sostegno online: sono luoghi in cui le persone possono condividere le loro esperienze con altri che hanno avuto un ictus, il che può fornire conforto e consigli pratici.
  3. Programmi di assistenza governativa:
    • Assistenza offerta: Assistenza finanziaria e sostegno per coprire i costi delle cure mediche e della riabilitazione.
    • Significato: sgravio finanziario per le persone e le famiglie colpite, che possono così concentrarsi sul recupero senza ulteriori stress finanziari.
  4. JOE, il tuo allenatore del cervello – Applicazione per smartphone e tablet :
    • Caratteristiche: comprende esercizi studiati per stimolare la memoria, il linguaggio e altre abilità cognitive colpite da ictus.
    • Vantaggi: Facile da accedere e da usare, JOE offre un metodo flessibile e personalizzato per integrare la riabilitazione a domicilio. Gli utenti possono seguire i loro progressi e adattare gli esercizi alle loro esigenze specifiche.
  5. Considerazione degli aspetti psicologici:
    • Salute mentale ed emotiva: cruciale per il recupero dall’ictus. È fondamentale riconoscere l’impatto psicologico dell’ictus e cercare un sostegno adeguato.
    • Fonti di sostegno: professionisti della salute mentale, parenti e gruppi di sostegno possono offrire l’aiuto necessario per superare questo momento difficile.

L’uso di queste risorse, unito al sostegno dei propri cari e degli operatori sanitari, può aiutare notevolmente le persone colpite da ictus a superare il processo di recupero. “JOE, il tuo brain coach” è un’opzione particolarmente valida, che fornisce una rieducazione cognitiva continua e personalizzata direttamente dalla comodità della propria casa.

E PER SAPERNE DI PIÙ

Shop It Roberto, DYNSEO

PROGRAMMA ROBERTO, IL VOSTRO COACH CEREBRALE

Con il vostro brain coach cerebrale ROBERTO, scegliete quali funzioni cognitive privilegiare: attenzione, concentrazione, funzioni esecutive, agilità mentale, memoria ecc…

 

PRODUITS SHOP VISUELS IT

COACHING DELLA MEMORIA A DISTANZA

Essere accompagnati a distanza da un memory coach che lavorerà con voi su esercizi di memoria per allenare le vostre funzioni cognitive in base alle vostre esigenze.
Appuntamento video di 1 ora per un supporto personalizzato. Un appuntamento individuale.

RIABILITAZIONE COGNITIVA POST-ICTUS

In questa guida vi mostreremo, passo a passo, come allenare le vostre funzioni cognitive e recuperare le funzioni cognitive perse o impostare strategie di compensazione utilizzando il programma di allenamento ROBERTO, il vostro coach cerebrale.

Altri articoli che potrebbero interessarvi: