5/5 - (34 votes)

Logopedia e terapia del linguaggio

La logopedia è una terapia che mira a trattare i disturbi legati al linguaggio, alla lettura o alla scrittura.

Il logopedista deve lavorare sulla consapevolezza del linguaggio. Nel caso di un bambino, imparerà che una frase è composta da parole, che sono composte da sillabe, che sono composte da lettere. Questa conoscenza facilita il riconoscimento delle parole, sia oralmente che per iscritto. Anche la conoscenza delle parole nel loro complesso e per sillabe contribuisce a migliorare le capacità di lettura. Nel caso di un adulto possiamo lavorare sull’articolazione o sulla muscolatura della bocca, per esempio in seguito ad una malattia o a un incidente. 

La terapia del linguaggio e della parola può aiutare le persone a migliorare le loro capacità e a rimuovere alcune delle difficoltà. A volte non è possibile “curare” una condizione e la persona deve convivere con le sue difficoltà. Il logopedista deve quindi cercare dei modi per compensare. Il logopedista offrirà quindi consigli o strategie per superare le proprie difficoltà. Le soluzioni di compensazione possono essere direttamente collegate alla persona (ad esempio, l’apprendimento di tecniche di respirazione) o possono essere oggetti o adattamenti dell’ambiente (ad esempio, la modifica del carattere del testo per i bambini Dys).

 

Valutazione nella terapia del linguaggio e della parola

In primo luogo, il logopedista si consulta con la famiglia del bambino o con il paziente stesso se è un adulto. Durante questo colloquio, il logopedista creerà una storia della persona con domande precise e mirate (anamnesi). In questo modo, possono prepararsi meglio agli esami e alle prove da sostenere.

Nella seconda fase, il logopedista esegue i test direttamente con la persona interessata. Questi test sono vari e ci permettono di vedere le difficoltà del linguaggio orale e scritto. Allo stesso tempo, il logopedista valuta le funzioni cognitive come la memoria o l’attenzione.

Una volta ottenuti i risultati, il logopedista può preparare un percorso di intervento in base alle esigenze della persona e al disturbo presente.

 

Disturbi del linguaggio

Esistono diversi tipi di disturbi del linguaggio. La terapia del linguaggio e della parola può essere molto utile per aiutare i pazienti a superare le loro difficoltà.

  • Disturbo del linguaggio scritto: I due principali disturbi del linguaggio scritto sono la dislessia e la disortografia. A seconda del livello di gravità, il logopedista può aiutare il bambino a comprendere il sistema alfabetico, la semantica, la fonologia, la grammatica e a creare un collegamento tra il linguaggio scritto e quello parlato. In caso di un adulto si lavorerà principalmente sulla strutturazione della frase e sugli aspetti ortografici.
  • Disturbo del linguaggio orale: in questo caso si possono verificare situazioni di balbuzie, biascicamento o, in generale, tutti i disturbi legati al linguaggio. In questo caso il logopedista può aiutare la persona a migliorare l’articolazione, a trovare le parole più rapidamente o a individuare il significato di una parola.
  • Disturbi dell’apprendimento: i disturbi dell’apprendimento sono anche detti disordini. Dislessia, disortografia, discalculia sono tutti casi in cui la persona ha difficoltà ad imparare a leggere, scrivere o fare calcoli matematici.
  • disturbi della deglutizione: alcune malattie neurologiche possono colpire i muscoli dedicati alla deglutizione, rendendo difficile questa azione. Attraverso la logopedia, la persona può trovare strategie di compensazione.
  • Ipoacusia: l’ipoacusia può essere legata a una condizione genetica (sordità) o verificarsi in seguito a una malattia o a un incidente. A seconda delle capacità della persona, il logopedista può aiutare a migliorare la discriminazione uditiva o a trovare strumenti di comunicazione alternativi.

 

Sessioni logopediche

Le sessioni logopediche sono varie e adattate alle esigenze della persona. L’obiettivo può essere quello di lavorare sull’articolazione della bocca, sulla respirazione, sull’intonazione vocale o sulle funzioni cognitive come l’attenzione o la memoria. La sessione può essere suddivisa in più parti per lavorare su aspetti diversi e integrare le diverse strategie.

A tal fine, si possono svolgere attività a corpo libero (esercizi di respirazione, massaggi), attività con oggetti (carte, giocattoli, strumenti) o utilizzare applicazioni (l’applicazione ROBERTO).


ROBERTO
,
il tuo coach cerebrale

 

Roberto è un’applicazione di giochi ludici e culturali per adulti e anziani autonomi. In Roberto si trovano più di 30 giochi cerebrali per allenare tutte le funzioni cognitive, fra cui il linguaggio. Questa applicazione può essere utilizzata direttamente dal logopedista durante le sedute o a casa tra una seduta e l’altra.

I giochi sono vari e permettono alla persona di migliorare la memoria, l’attenzione, la logica e il linguaggio. Con 3 livelli di difficoltà, i giochi possono essere adattati alle esigenze di ognuno.

Nei prossimi paragrafi verranno presentati alcuni esempi di giochi su tablet, a seconda delle varie difficoltà possibili.

Roberto-tablet-stimolazionecognitiva-coach-cerebrale-giochidimemoria-funzionicognitive

Esercizi pratici – disturbi del linguaggio scritto

Quando parliamo di linguaggio scritto, parliamo di scrittura e lettura.

Per la lettura, il logopedista può preparare giochi con lettere, sillabe o parole, a seconda del livello e dell’età della persona. Può creare un memory di sillabe o rime. In questo caso, bisogna nominare le immagini sulle carte (o leggere il nome scritto sulla carta) e creare delle coppie con le parole in rima (ad esempio “pulcino” e “bambino”).

Giocare con i suoni delle lettere e le combinazioni di sillabe è molto importante per la lettura.

Sillabus

In questo gioco la persona deve trovare le parole a partire dalle sillabe sullo schermo. Bisonga provare diverse combinazioni e immaginare le parole possibili per svolgere l’esercizio. A seconda del livello di difficoltà scelto, la persona dovrà partire dalla parola e trovare le sillabe che la compongono, oppure partire dalle sillabe per trovare le parole.

syllabus-Roberto-giochi-cognitivi-allenamentocerebrale-tablet-stimolazione-cervello-adulti-anziani-linguaggio-sillabe-parole

Per lavorare su letture più complesse, il logopedista può creare una storia, suddividerla in sequenze e chiedere di leggere i testi e di mettere la storia nel giusto ordine. In questo caso si lavora sulla lettura, ma anche sulle sequenze e sulla logica.

Per quanto riguarda la scrittura, la difficoltà può essere dovuta a disortografia (confusione tra le lettere) o disgrafia (difficoltà nel gesto grafico).

Per la disortografia, il lavoro si concentrerà sui suoni e sulle loro combinazioni per associare un fonema al suo grafema. Per la disgrafia, si lavorerà maggiormente sul gesto motorio e sul movimento della penna. È possibile creare un percorso e spostare una pallina al suo interno muovendola con la penna. In alternativa, si possono disegnare bolle colorate su un foglio di carta e chiedere alla persona di collegare le bolle dello stesso colore. L’obiettivo è aiutare la persona a imparare a gestire e adattare il movimento della penna.

Esercizi pratici – disturbi del linguaggio orale

I disturbi del linguaggio orale sono molto vari e possono avere cause diverse.

In genere il logopedista lavora sulla postura e sulla respirazione. Imparare ad avere una buona postura permette di respirare meglio e quindi di controllare meglio la produzione del suono.

Per la respirazione, il logopedista può creare un percorso e la persona deve soffiare su una pallina per farla passare attraverso il percorso. Oppure si può mettere una penna sul tavolo, uno per ogni lato del tavolo, e soffiare sulla penna per farla cadere sul lato dell’altra persona.

I disturbi del linguaggio orale possono essere legati a una scarsa articolazione. In questo caso, il logopedista eseguirà esercizi per rafforzare i muscoli orali e facciali. Può massaggiare le labbra, la lingua o le guance. Possono anche mettere la persona davanti a uno specchio e fargli fare delle boccaccie. Per migliorare il suono della voce, il logopedista può proporre attività di canto o esercizi in cui la persona deve variare le intonazioni vocali (ad esempio, raccontare una storia con le voci dei personaggi).

Per migliorare la struttura del discorso e della frase, il logopedista può chiedere al bambino di inventare storie o descrivere immagini. Ad esempio, si può dare alla persona un cartoncino con un’immagine e chiedergli di descriverla per far sì che il logopedista indovini l’immagine. Lo stesso gioco può essere fatto al contrario, in modo che la persona debba indovinare l’immagine nascosta. Quest’ultima versione viene utilizzata nei casi di afasia.

 

Puzzle Plus

In questo gioco, bisogna risolvere un puzzle. Potete chiedere alla persona di descrivere tutti i pezzi del puzzle o l’immagine finale. Si può anche chiedere loro di inventare una storia basata sull’immagine.

Alla fine del puzzle c’é una descrizione scritta, la persona può leggerla e poi fare un riassunto. 

puzzleplus-dipinto-quadro-Roberto-giochi-cognitivi-allenamentocerebrale-tablet-stimolazione-cervello-adulti-anziani

Esercizi pratici – difficoltà di apprendimento

Le difficoltà di apprendimento influenzano la lettura, la scrittura, il linguaggio orale e le abilità matematiche. Il logopedista può quindi utilizzare i giochi presentati nei paragrafi precedenti.

Nel caso di disturbi dell’apprendimento, il logopedista può lavorare sul significato delle parole e sulla struttura delle frasi. Possono fare giochi di classificazione, come mettere tutta la frutta da una parte del tavolo e tutta la verdura dall’altra. Oppure dire una frase e mostrare 4 immagini alla persona che deve indovinare quale immagine corrisponde alla frase. In questo caso la frase potrebbe essere “la madre dà un gelato al figlio” e le immagini sono: una madre che dà un gelato al figlio, una madre che dà da bere al figlio, un bambino che dà un gelato alla madre, una madre che dà un gelato al marito.

 

Spremi Meningi

 

In questo gioco, la persona deve mettere le parole nel giusto ordine per creare una frase. La persona deve guardare e capire tutte le parole per dare un senso alla frase.

Le frasi proposte sono spesso dei proverbi quindi la persona può usare anche le sue conoscenze generali. 

spremimeningi-proverbi-linguaggio-Roberto-giochi-cognitivi-allenamentocerebrale-tablet-stimolazione-cervello-adulti-anziani

Per la discalculia, il logopedista può lavorare sull’ordine numerico attraverso attività di conteggio, ad esempio mettendo 5 biglie di ogni colore in un bicchiere. Il logopedista può anche creare attività per migliorare la capacità della persona a riconoscere visivamente una quantità (ad esempio, se vedo 5 automobili, posso dire direttamente che ce ne sono 5 senza doverle contare una per una).

Questo esercizio può essere fatto con oggetti o animali per renderlo più divertente. Si può anche usare una variante che prevede l’uso delle dita della mano: si mostrano 3 dita e bisogna riconoscere direttamente che sono 3 senza contarle. Questa versione è utile per aiutare i bambini a imparare a contare sulle dita (contare sulle dita è una strategia molto comune per la discalculia).

 

Calculus

 

In questo gioco, bisogna risolvere delle operazioni matematiche. A seconda del livello, si possono trovare addizioni e sottrazioni o moltiplicazioni e divisioni.

calculus-matematica-problema-calcoli-Roberto-giochi-cognitivi-allenamentocerebrale-tablet-stimolazione-cervello-adulti-anziani

Esercizi pratici – disturbi della deglutizione

Il disturbo della deglutizione può essere legato a una malattia neurologica o a un trauma. Questo disturbo può essere riscontrato anche negli adulti, ad esempio in seguito a un ictus.

Per migliorare la deglutizione, il logopedista eseguirà esercizi di postura e respirazione, nonché attività di rafforzamento dei muscoli oro-facciali, che sono già stati introdotti.

Il logopedista può anche chiedere di portare del cibo alla seduta per osservare il comportamento durante la deglutizione e aiutare la persona a trovare delle strategie di compensazione.

Esercizi pratici – disturbi dell’udito

Nei disturbi dell’udito, il lavoro del logopedista cambia a seconda della capacità della persona di recuperare o migliorare la funzione uditiva.

Il logopedista può fornire attività per migliorare la discriminazione uditiva. Per esempio, possono prendere degli strumenti musicali, chiedere alla persona di chiudere gli occhi e riconoscere lo strumento che il logopedista sta suonando. Oppure si possono usare delle carte illustrate e chiedere di imitare i suoni dell’animale o dell’oggetto sulla carta e il logopedista deve indovinare, o viceversa.

 

L’orecchio musicale

 

In questo gioco, la persona deve ascoltare i suoni della vita quotidiana, i versi degli animali o degli strumenti musicali e riconoscerli. Questo gioco aiuta a lavorare sulla discriminazione uditiva.

orecchiomusicale-suono-oggetti-vitaquotidiana-Roberto-giochi-cognitivi-allenamentocerebrale-tablet-stimolazione-cervello-adulti-anziani

Spesso, quando ci sono problemi di udito, ci sono anche problemi di linguaggio. La persona ha difficoltà a sentire la propria voce e quindi può avere difficoltà a usare l’intonazione corretta. Anche in questo caso, il logopedista può svolgere attività legate al canto o in cui bisogna cambiare l’intonazione della voce.

3 MESI

  • Monitoraggio a distanza
  • Novità
  • Assistenza clienti
  • Nessun rinnovo automatico

15 EURO

1 ANNO

  • Monitoraggio a distanza
  • Novità
  • Assistenza clienti
  • Nessun rinnovo automatico

50 EURO

TABLET + GIOCHI

  • Samsung Galaxy Tab A7 10.4, 32 GB
  • Custodia in pelle
  • Roberto – 1 anno incluso
  • Consegna

299 EURO

Roberto Negozio Onlinee Dynseo Giochi Allernare Cervello

Altri articoli che potrebbero interessarvi: