LE GNOSIE VISIVE

 

 

cerveau-gnosies visuelles fonctions cognitives
cerveau-gnosies visuelles fonctions cognitives

Le gnosie visive si riferiscono alla capacità di percepire un oggetto attraverso la vista, di immaginarlo e di coglierne il significato.

 

Cosa sono le gnosie visive?

 

La gnosia visiva è semplicemente un termine che definisce la capacità di riconoscere gli oggetti attraverso la vista.

È necessario sapere che esistono due vie cerebrali visive principali:

Il percorso “COSA”, specializzato nell’identificazione visiva degli oggetti. Estrae le informazioni visive dagli stimoli e le elabora per riconoscerle e attribuire loro un significato.
Il canale “DOVE” il percorso che permette di localizzare gli oggetti nello spazio.

Una lesione cerebrale in una di queste due vie può portare a disturbi che riguardano il riconoscimento degli oggetti o la loro localizzazione. Quando c’è un disturbo in una delle due vie, si parla di agnosia visiva.

 

Disturbi legati alle gnosie visive

 

Quando c’è un disturbo legato alle gnosie visive, si parla di agnosia visiva. Le agnosie visive sono definite come l’incapacità di riconoscere persone o oggetti quando vengono presentati visivamente. Per concludere che si tratta di agnosia visiva, il riconoscimento in altre modalità deve essere conservato. Ad esempio, nella modalità tattile, cioè toccando l’oggetto, o nella modalità uditiva, sentendo il rumore che produce.

Esistono due tipi di agnosia visiva:

Agnosia visiva associativa, che consiste nell’incapacità di riconoscere ciò che si percepisce correttamente; la percezione è corretta ma priva di significato. Ad esempio, si può copiare un disegno, ma non si riconosce ciò che si sta copiando.

L’agnosia percettiva visiva, ovvero l’incapacità di riconoscere, a causa di deficit percettivi, ciò che si vede è privo di significato. Ad esempio, non è possibile copiare un disegno.

 

Esercizi per allenare e migliorare le proprie gnosie visive

 

Per migliorare la vostra gnosia visiva, cercate di osservare l’ambiente che vi circonda. Cercare tutti i dettagli possibili in un oggetto, una persona o un luogo. Concentratevi su forme, dimensioni e colori.

Si può anche pensare alla distanza tra gli oggetti o alla loro posizione nello spazio. Potete cercate di ricordare ciò che avete visto, senza avere il modello davanti a voi. Ricordate tutti i dettagli?

Si può anche fare l’esercizio opposto. Pensate a un oggetto che avete in casa e cercate di crearne un’immagine mentale. Poi prendete l’oggetto in questione e verificate se ci sono differenze rispetto a ciò che avete appena immaginato.

 

I nostri giochi per lavorare sulla gnosia visiva

coach-sofia
  • Dove si Trova
  • Binocolo
  • Puzzle Plus
  • Colorform
  • Cascata Infernale
  • Carte all’arrabbiata
  • Simili
  • Forma a Incastro
  • Sofia sugli sci
coach roberto
  • Dove si Trova
  • Binocolo
  • Puzzle Plus
  • Colorform
  • Cascata Infernale
  • Carte all’arrabbiata
  • Simili
  • Forma a Incastro
  • Roberto il Pirata

Le gnosie visive sono quindi molto importanti per potersi spostare nell’ambiente e interagire con gli altri o con gli oggetti. Le gnosie visive sono utili per 3 funzioni:

 

1- Identificare gli oggetti e le persone

 

Questa funzione ci permette di riconoscere gli oggetti guardandoli. Riconoscere un oggetto ci permette di prepararci all’azione, di sapere come utilizzare un oggetto e adattarsi all’ambiente. Possiamo anche riconoscere le persone e sapere il loro nome, ma anche ricordarsi delle esperienze fatte insieme.

Puzzle Plus

 

In questo gioco bisogna risolvere il puzzle spostando i pezzi a disposizione. La persona deve quindi identificare gli elementi presenti nei vari pezzi e organizzarli per formare l’immagine finale.

 

puzzleplus-dipinto-quadro-Roberto-giochi-cognitivi-allenamentocerebrale-tablet-stimolazione-cervello-adulti-anziani

2- Analizzare gli oggetti nello spazio

 

Per spostarsi e interagire con l’ambiente bisogna essere capaci di analizzare gli oggetti che ci circondano. Possiamo immaginare la grandezza di un oggetto, il suo peso e la sua funzione. Inoltre possiamo analizzare il movimento di un oggetto o di una persona per immaginare la sua traiettoia.

Roberto il Pirata

 

In questo gioco bisogna spostare il personaggio fino al suo obiettivo senza toccare le sirene. La persona deve immaginare la traiettoia del personaggio e analizzare la posizione di ogni elemento. Ci sono più modi per arrivare all’obiettivo, ma, analizzando tutti gli oggetti, possiamo trovare la soluzione più veloce.

robertoilpirata-logica-problema-Roberto-giochi-cognitivi-allenamentocerebrale-tablet-stimolazione-cervello-adulti-anziani

3- Organizzare i movimenti oculari 

 

Le gnosie visive passano attraverso la vista quindi i movimenti oculari sono molto importanti. In effetti quando ci guardiamo intorno, il nostro sguardo si sposta sui differenti oggetti per raccogliere le informazioni. Quando guardiamo qualcosa il nostro sguardo deve essere organizzato per essere sicuri di non dimenticare niente. Per esempio, di solito esploriamo qualcosa dall’alto verso il basso e da sinistra verso destra.

I movimenti oculari sono molto importanti anche per la lettura perché il nostro sguardo deve “saltare” da una parola all’altra seguendo la linea.

Dove si Trova?

 

In questo gioco la persona deve ritrovare gli stati sulla mappa. I movimenti oculari sono molto importanti perché bisogna percorrere la mappa con lo sguardo. Per trovare la posizione esatta di uno stato, portiamo il nostro sguardo nella zona dove si situa e poi con lo sguardo guardiamo, nell’ordine, tutti gli stati per trovare la posizione giusta.

dovesitrova-geografia-mappa-Roberto-giochi-cognitivi-allenamentocerebrale-tablet-stimolazione-cervello-adulti-anziani

Il programma di Roberto

Una versione adattata per adulti autistici con disturbi lievi. 

coach roberto

Il programma di Sofia

Una versione adattata per adulti o anziani più fragili.

coach-sofia

DYNSEO, e il vostro cervello mette il turbo!