Capire le emozioni delle persone con autismo

Rate this post

Le emozioni sono spesso difficili da comprendere e interpretare, anche in chi non soffre di alcun disturbo. Quindi è normale avere qualche difficoltà a comprendere le emozioni trasmesse da qualcuno che funziona in modo diverso da te, o che soffre di un disturbo come il disturbo dello spettro autistico (ASD).

Questo non significa che non sarai in grado di capire e interpretare le emozioni degli altri; semplicemente dovrai prenderti il tempo necessario per identificare i codici e decifrare le diverse emozioni. Ecco perché abbiamo raccolto un articolo che ti fornisce molte spiegazioni e consigli su come capire le emozioni. Continua a leggere per saperne di più!

Esprimere emozioni diverse

Non è mai facile riconoscere e interpretare correttamente le emozioni, anche le proprie. I bambini autistici hanno anche difficoltà a esprimere i loro sentimenti nel modo giusto e a condividerli in modo appropriato. Che una persona sia autistica o meno, dovrà passare attraverso fasi specifiche per trasmettere un’emozione nel modo giusto.

Puoi trasmettere le emozioni attraverso le espressioni del viso, i movimenti e le posizioni del corpo o persino il suono della tua voce. Esprimere i sentimenti può essere più o meno complesso e tu ci stai lavorando senza rendertene conto fin dalla nascita, proprio come una persona autistica, anche se l’evoluzione è diversa.

Per un bambino con autismo sarà particolarmente difficile riconoscere le emozioni degli altri e potrebbe quindi comportarsi in modo inappropriato.

È quindi importante prestare attenzione al comportamento dei bambini con autismo per poterli sostenere nel loro sviluppo.

 

Emozioni in una persona con autismo

Una persona autistica prova emozioni e vuole trasmetterle a chi le sta intorno. Tuttavia, non è raro incontrare alcune difficoltà nell’esprimersi. La persona può comportarsi in modi apparentemente contraddittori. Potrebbe gridare come se fosse arrabbiata quando invece è a disagio, oppure potrebbe non rispondere a una domanda se è felice per qualcos’altro.

Anche le persone con disturbo dello spettro autistico incontrano alcuni ostacoli nel riconoscere le varie espressioni facciali. Inoltre, avranno difficoltà a comunicare imitando le espressioni emotive degli altri, il che renderà più difficile per loro comprendere le proprie emozioni e interpretarle nel modo giusto giorno dopo giorno.

È importante rendersi conto che i codici emotivi di una persona autistica sono diversi e che non è facile per nessuno capire come vengono espresse le emozioni. Per interpretare correttamente ogni segno sono necessarie pazienza e osservazione.

Le persone con autismo riconoscono le diverse emozioni in modo diverso e alcune sono più difficili da analizzare rispetto ad altre. Non deve sorprendere, quindi, che le persone affette da autismo siano maldestre quando si tratta di esprimere determinate emozioni nel corso della loro vita.

 

Comprendere le diverse emozioni

Per capire le tue emozioni, metti in atto parole e abitudini. Lo stesso vale per le emozioni delle persone autistiche, anche se i codici sono diversi. Infatti, un bambino autistico si svilupperà in un certo modo e imparerà a trasmettere le proprie emozioni in maniera distinta. Spesso possiamo notare delle somiglianze con lo sviluppo di un bambino tipico quando analizziamo l’evoluzione delle emozioni di una persona con un disturbo dello spettro autistico.

Anche se le emozioni vengono trasmesse attraverso i gesti durante la crescita, spesso ci sono ostacoli alla verbalizzazione di certi sentimenti. Questo problema spesso porta le persone a credere che una persona autistica sia priva di sentimenti, mentre questa idea è totalmente falsa.

È importante rendersi conto che le persone autistiche spesso hanno difficoltà a esprimere i propri sentimenti in modo efficace e l’imbarazzo può diventare rapidamente un peso. Incontrerà quindi degli ostacoli quando interagirà con gli altri perché i suoi codici saranno diversi. È importante prendersi il tempo per ascoltare una persona autistica, per capire i suoi codici e il suo linguaggio. Questo ti permetterà di decifrare le emozioni in modo corretto e di reagire nel modo giusto. E non dimentichiamo che una persona autistica che viene compresa troverà più facile acquisire fiducia in se stessa e cercare di sviluppare il proprio linguaggio emotivo per andare ancora più lontano negli scambi.

Devi quindi imparare a leggere le emozioni e aiutare l’altra persona a fare lo stesso con i tuoi sentimenti. Le persone con autismo spesso analizzano le emozioni in modo diverso e interpretano male le tue emozioni, il che può creare confusione. Si prenderà il tempo necessario per affrontare le sfide per gestire al meglio la sua comprensione degli altri, approfittando della tua pazienza per sentirsi compreso da un’altra persona. Quindi dovrai essere paziente.

 

Gestire le emozioni

Gestire le emozioni non è sempre facile. Per i bambini con autismo è ancora più difficile.

Poiché hanno difficoltà a comprendere le emozioni, quando queste sono forti, i bambini diventano disorientati e non capiscono cosa sta succedendo loro.

L’emozione prende il controllo del bambino. Se è molto felice, può correre o gridare; se è arrabbiato, può lanciare oggetti e colpire le persone; se è in una situazione di stress, può iniziare a farsi male o a sbattere la testa contro il muro. In questo caso, è importante non farsi prendere dal panico o gridare. Devi metterti al livello del bambino e cercare di dirgli che capisci le sue emozioni. Puoi mettere una mano sul suo petto per aiutarlo a riprendere fiato.

In casi estremi, puoi rassicurarli abbracciandoli dolcemente finché il pianto, la rabbia o altre emozioni non si placano. Puoi quindi mettere le braccia intorno al bambino per bloccare i suoi movimenti. Le tue braccia devono essere stabili per evitare che il bambino si allontani, ma non rigide (se il bambino sente la rigidità, diventerà ancora più rigido). Una volta in questa posizione, respira profondamente e lentamente per calmare il bambino.

Per anticipare le situazioni di crisi, puoi giocare con loro, in modo da distogliere la loro attenzione da una fonte di disagio.

Puoi anche utilizzare libri o giochi adatti ai bambini per aiutarli a comprendere le loro emozioni.
Puoi anche creare uno spazio emozionale a casa tua. Questo spazio può essere un angolo con cuscini o oggetti, dove il bambino può andare quando inizia ad agitarsi.
Puoi anche elaborare delle strategie con i bambini. Ad esempio, fai dei respiri profondi o canta una canzoncina che gli piace.

 

Mon Dico,

lo strumento per comprendere i desideri e le emozioni

Mon Dico è un’applicazione per tablet che permette alle persone di esprimere i propri desideri e le proprie esigenze utilizzando una banca di immagini raggruppate in 6 temi completamente personalizzabili.

Questa applicazione può essere utilizzata con i bambini che hanno difficoltà di linguaggio. In questo modo i bambini potranno esprimere pensieri più complessi e imparare nuove parole per ampliare il loro vocabolario.

Mon Dico è molto utile anche per comunicare le emozioni. I bambini possono imparare a descrivere o esprimere le proprie emozioni e, anche in caso di rabbia, possono diventare uno strumento di comunicazione intermedio.
La possibilità di personalizzare le immagini significa che i bambini hanno una rappresentazione del loro ambiente e possono quindi comunicare più facilmente.

COCO PENSA e COCO MUOVE, un’applicazione per giochi educativi e sportivi.

Coco è un’applicazione con oltre 30 giochi educativi per migliorare le funzioni cognitive divertendosi. Ci sono giochi di attenzione, memoria, linguaggio e logica.

Tutti questi giochi sono pensati per supportare lo sviluppo del bambino con attività personalizzate in base alle sue esigenze. Un bambino con autismo può avere difficoltà in diverse aree.
Avere un’applicazione che segue il bambino a livello globale può aiutarlo nel suo sviluppo.

 

Riconoscere le emozioni con COCO BOUGE

Dopo 15 minuti sullo schermo, l’applicazione COCO PENSA e COCO MUOVE si ferma e suggerisce attività fisiche. Le attività dinamiche sono importanti per i bambini con autismo. Attraverso queste attività, i bambini imparano a conoscere meglio il proprio corpo e a controllare i propri movimenti. Inoltre, deve imparare ad adattarsi agli stimoli esterni, come la musica.

Nella pausa sportiva di COCO BOUGE non ci sono solo giochi puramente fisici, ma anche un gioco che ti aiuta a imparare a riconoscere le emozioni: “Mima un’emozione”.

home-coco-bouge-educational-games-children-coco-application-tablet

Imita un’emozione

In questo gioco, il bambino deve guardare l’emozione mostrata sullo schermo e riprodurla.

I bambini possono imparare a riconoscere le emozioni grazie a immagini e istruzioni audio che spiegano l’emozione stessa. I bambini possono quindi imparare a riconoscere le emozioni in loro stessi e negli altri.

Inoltre, cliccando sul punto interrogativo, potrai conoscere le diverse emozioni in modo da riconoscerle più facilmente.

LA SORPRESA

Sorpresa significa che si è sorpresi da un momento, da una persona o da un oggetto. Come un regalo inaspettato!

Quando si è sorpresi, si spalancano la bocca e gli occhi.

LA CONFUSIONE

La confusione è la perdita delle idee a causa di un evento, ad esempio. Si può sbagliare il nome di qualcuno o di qualcosa.

Per simulare la confusione, spalancate gli occhi, fate un grande “Hoo” con la bocca e alzate le sopracciglia.

ISPIRAZIONE

L’ispirazione è la capacità della nostra mente di immaginare e creare cose come disegni, poesie, storie.

Per trovare ispirazione, socchiudiamo gli occhi, ci grattiamo leggermente la testa con un sorriso e facciamo finta di dipingere, scrivere o disegnare.

L’AFFETTO

Affetto significa essere toccati, avere pensieri positivi per un amico, un familiare o un animale domestico.

Qui si sorride, si pensa ai bei tempi, si abbraccia, si bacia, si dice a un amico che ci piace.

.

L’ENNUI

La noia è presente quando ci troviamo in una situazione che non ci interessa. Non si vuole ascoltare la persona che si ha davanti o non si vuole fare nulla.

Per la noia, soffiamo forte, guardiamo in alto e ci guardiamo intorno.

DOLORE

Il dolore è una sensazione spiacevole che può far male. Un incidente può causare danni fisici. Il dolore può anche essere una sensazione di mancanza di qualcuno o qualcosa o di tristezza.

Per esprimere il dolore si alzano le sopracciglia, si strizzano gli occhi e si fanno smorfie.

Scopri l’applicazione COCO PENSA e COCO MUOVE

cocoetcocosport-coco-app-bambini-educativi-educativi-bambini-ludici-culturali-giochi-applicazione-gioco-cerebrale-tablet-smartphone-

Accompagnare gli adulti con autismo

E PER MAGGIORI INFORMAZIONI

COCO, PER BAMBINI AUTISTICI

 

COCO è un programma adattato ai bambini autistici che offre una raccolta di giochi educativi e cognitivi. Livelli di difficoltà crescenti permettono ai bambini di progredire al proprio ritmo. È inoltre fondamentale fare una pausa sportiva ogni 15 minuti di schermo per evitare la dipendenza.

ACCOMPAGNARE UN BAMBINO AUTISTICO

In questa guida ti daremo consigli pratici su come aiutare un bambino con autismo e su come stimolarlo e creare un legame con lui. Consigli utili e quotidiani per facilitare la vita di chi assiste familiari e professionisti.

ROBERTO, PER GLI ADULTI AUTISTICI

Adattato agli adulti con autismo, il programma ROBERTO offre una serie di giochi per sviluppare le conoscenze, migliorare la concentrazione e rafforzare le capacità mentali. ROBERTO è stato progettato per essere accessibile a tutti, pur mantenendo un occhio di riguardo per la salute mentale.

SOSTENERE UN ADULTO CON AUTISMO

In questa guida ti diamo consigli pratici su come sostenere, stimolare e creare un legame con un adulto con autismo. Consigli utili e quotidiani per facilitare la vita di chi assiste familiari e professionisti. Esercizi per lavorare su tutti gli aspetti.

Altri articoli che potrebbero interessarvi: