I passi per aiutare i bambini autistici a riconoscere le loro emozioni

Rate this post

I bambini autistici, come gli adulti, hanno difficoltà a gestire le proprie emozioni. Hanno difficoltà a esprimere, tradurre e riprodurre le espressioni emotive. Questa situazione è spesso legata a un problema di comunicazione sociale, di sviluppo del linguaggio e anche di abilità metacognitive.

Ma non preoccuparti, i nostri coach sono qui per supportarti: abbiamo preparato alcuni consigli per aiutarti a lavorare su questo aspetto in modo che possano adattarsi nelle relazioni sociali.

Sei pronto a saperne di più? Non aspettare oltre per leggere il resto dell’articolo!

 

Fase 1: valutare la conoscenza delle emozioni da parte del bambino

Il primo passo è valutare la capacità del bambino di percepire le emozioni.

A questo proposito, devi tradurre ogni emozione con l’espressione del tuo viso, perché è un viso che sono abituati ad analizzare. Potresti, ad esempio, scattare una tua foto e analizzarla insieme al bambino, valutando la sua capacità di riconoscerla. Inizia con i sentimenti di base come rabbia, gioia, paura, tristezza, disgusto e sorpresa. Una volta completata la prima fase, puoi aggiungere nuovi volti alla tua libreria fotografica.

Al termine di ogni fase, è fondamentale congratularsi con loro con una coccola, un oggetto o un incoraggiamento.

C’è anche un libro che ho letto con i miei figli e che stiamo ancora usando a distanza di qualche anno. Ogni colore è associato a un’emozione:

  • Verde: serenità
  • Rosa: amore
  • Blu: tristezza
  • Giallo: gioia
  • Nero: paura

Assicurati di accompagnarli nella lettura di questo libro. Mio figlio pensava che fosse triste perché il suo colore preferito era il blu. Chiedo regolarmente ai miei figli di parlare delle loro emozioni. È molto divertente dire “Io sono la gioia! ” e “Io sono la serenità”, e dobbiamo spiegare perché siamo felici e parlare dei nostri successi del giorno.

 

Passo 2: Dare un nome alle emozioni con COCO

Mostra le caratteristiche dell’emozione con un’immagine che poi assocerai a una parola. A questo scopo, puoi fare domande e usare la guida indicando i tratti del viso. Ripeti la parola corrispondente e chiedi al bambino di fare lo stesso. L’obiettivo è che il bambino sia in grado di pronunciarlo, anche solo all’inizio. Non esitare a ripetere per massimizzare i risultati.

Puoi farlo anche sotto forma di gioco, ad esempio mimando le emozioni. Ti divertirai molto e il gioco è un ottimo modo per imparare.

 

 

Fase 3: Utilizzare ausili visivi o gesti e localizzare

Le immagini nei libri o nelle riviste sono un ulteriore aiuto per addestrare i bambini autistici a riconoscere le emozioni. Una volta identificati sul tuo volto, è fondamentale che siano anche in grado di esprimere i propri sentimenti e di definirli nelle illustrazioni.

Tutto quello che devi fare è dare al bambino delle foto che rappresentino le emozioni che ha imparato a conoscere e chiedergli di descrivere le caratteristiche di ciascuna di esse. Usare piccoli gesti o espressioni facciali in un gioco sarà più divertente e manterrà l’attenzione del bambino. Ad esempio, puoi utilizzare degli ausili digitali come un tablet per rendere l’esercizio più interessante. Ti consigliamo anche l’applicazione Mon Dico, una galleria di immagini personalizzabile. Puoi aggiungere foto con le espressioni di tutta la famiglia e creare un gioco interattivo con tutti i tuoi amici e familiari!

 

 

 

Fase 4: Ripeti le sequenze, rappresentando le emozioni con espressioni facciali schematiche.

Questo è uno dei modi più divertenti per aiutare un bambino autistico a sviluppare le capacità emotive. Lavora con i cartelloni che rappresentano tutte le emozioni e chiedi a tuo figlio di posizionare le linee corrispondenti nelle altre colonne. Gli esercizi devono essere ripetuti finché il bambino non è in grado di completarli autonomamente.

 

In conclusione, imparare divertendosi è sicuramente il modo migliore per insegnare a un bambino. Inoltre, prendersi il tempo per esprimere le proprie emozioni e metterle in relazione con la situazione aiuta a comprenderne il significato e a imparare a gestirle meglio.

Passo 5: recita le tue emozioni per riconoscerle più chiaramente

Riconoscere le emozioni con COCO BOUGE

Nella nostra applicazione educativa COCO, potete anche imparare a riconoscere le vostre emozioni con il gioco “Mimo emozioni”, nella sezione COCO MOVES. Facendo clic sul punto interrogativo, si possono conoscere le diverse emozioni per riconoscerle meglio.

Questo gioco per mimare le emozioni è disponibile anche come pausa, ogni 15 minuti di schermo. Ogni 15 minuti, i bambini sono invitati a scegliere un’attività fisica per una pausa attiva. E potete anche mimare le emozioni di quel momento!

tablet-coco-sport-educazione-positiva-apprendimento-amore-genitorialità-bambini-felicità-attività-bambini-giochi educativi-controllo-genitoriale-dynseo

Nella nostra applicazione educativa COCO, potete anche imparare a riconoscere le vostre emozioni con il gioco “Mimo emozioni”, nella sezione COCO MOVES. Facendo clic sul punto interrogativo, si possono conoscere le diverse emozioni per riconoscerle meglio.

Questo gioco per mimare le emozioni è disponibile anche come pausa, ogni 15 minuti di schermo. Ogni 15 minuti, i bambini sono invitati a scegliere un’attività fisica per una pausa attiva. E potete anche mimare le emozioni di quel momento!

LA SORPRESA

Sorpresa significa che si è sorpresi da un momento, da una persona o da un oggetto. Come un regalo inaspettato!

Quando si è sorpresi, si spalancano la bocca e gli occhi.

LA CONFUSIONE

La confusione è la perdita delle idee a causa di un evento, ad esempio. Si può sbagliare il nome di qualcuno o di qualcosa.

Per simulare la confusione, spalancate gli occhi, fate un grande “Hoo” con la bocca e alzate le sopracciglia.

ISPIRAZIONE

L’ispirazione è la capacità della nostra mente di immaginare e creare cose come disegni, poesie, storie.

Per trovare ispirazione, socchiudiamo gli occhi, ci grattiamo leggermente la testa con un sorriso e facciamo finta di dipingere, scrivere o disegnare.

L’AFFETTO

Affetto significa essere toccati, avere pensieri positivi per un amico, un familiare o un animale domestico.

 

Qui si sorride, si pensa ai bei tempi, si abbraccia, si bacia, si dice a un amico che ci piace.

.

L’ENNUI

La noia è presente quando ci troviamo in una situazione che non ci interessa. Non si vuole ascoltare la persona che si ha davanti o non si vuole fare nulla.

Per la noia, soffiamo forte, guardiamo in alto e ci guardiamo intorno.

DOLORE

Il dolore è una sensazione spiacevole che può far male. Un incidente può causare danni fisici. Il dolore può anche essere una sensazione di mancanza di qualcuno o qualcosa o di tristezza.

Per esprimere il dolore si alzano le sopracciglia, si strizzano gli occhi e si fanno smorfie.

E PER MAGGIORI INFORMAZIONI

COCO, PER BAMBINI AUTISTICI

 

COCO è un programma adattato ai bambini autistici che offre una raccolta di giochi educativi e cognitivi. Livelli di difficoltà crescenti permettono ai bambini di progredire al proprio ritmo. È inoltre fondamentale fare una pausa sportiva ogni 15 minuti di schermo per evitare la dipendenza.

ACCOMPAGNARE UN BAMBINO AUTISTICO

In questa guida ti daremo consigli pratici su come aiutare un bambino con autismo e su come stimolarlo e creare un legame con lui. Consigli utili e quotidiani per facilitare la vita di chi assiste familiari e professionisti.

ROBERTO, PER GLI ADULTI AUTISTICI

Adattato agli adulti con autismo, il programma ROBERTO offre una serie di giochi per sviluppare le conoscenze, migliorare la concentrazione e rafforzare le capacità mentali. ROBERTO è stato progettato per essere accessibile a tutti, pur mantenendo un occhio di riguardo per la salute mentale.

SOSTENERE UN ADULTO CON AUTISMO

In questa guida ti diamo consigli pratici su come sostenere, stimolare e creare un legame con un adulto con autismo. Consigli utili e quotidiani per facilitare la vita di chi assiste familiari e professionisti. Esercizi per lavorare su tutti gli aspetti.

Altri articoli che potrebbero interessarvi: