Autismo e difficoltà a scuola: come affrontarle?

Rate this post

 

L’autismo provoca una serie di disturbi nei bambini. Per quanto riguarda la scuola, questi bambini sono spesso abbandonati a se stessi a causa delle difficoltà che incontrano a scuola. Tuttavia, ci sono modi in cui i genitori possono intervenire e aiutarli a superare questi ostacoli. È fondamentale comprendere le sfide che questi bambini devono affrontare a scuola e adottare strategie adeguate per sostenerli nel loro percorso scolastico. In questo articolo esploreremo i diversi metodi e le risorse disponibili per supportare i bambini con autismo nella loro educazione, in modo che possano vivere un’esperienza scolastica arricchente e soddisfacente.

 

 

Che cos’è l’autismo?

Ecco una presentazione dell’autismo, sia in termini di numeri che di cause della sua insorgenza.

 

 

Fatti e cifre sull’autismo

L’autismo, un disturbo dello sviluppo scoperto dallo psichiatra Leo Kanner nel 1943, colpisce una percentuale significativa della popolazione mondiale, circa lo 0,7%. Tuttavia, nonostante questa prevalenza, molti bambini autistici incontrano ancora grandi difficoltà quando si tratta di andare a scuola.

  • Ad esempio, alcuni bambini possono incontrare ostacoli all’apprendimento a causa del loro disturbo, rendendo difficile per loro seguire il programma scolastico standard. Queste sfide possono essere esacerbate da problemi cognitivi che ostacolano la loro capacità di comprendere e assimilare efficacemente nuove informazioni.
  • I bambini con autismo possono incontrare ulteriori ostacoli dovuti alla mancanza di risorse e di servizi adatti alle loro esigenze specifiche. Ad esempio, un bambino autistico con difficoltà di comunicazione può avere difficoltà a ricevere un supporto adeguato in classe a causa della mancanza di personale formato per rispondere alle sue particolari esigenze. Allo stesso modo, i bambini autistici che necessitano di programmi educativi personalizzati possono trovarsi in istituti che non hanno le risorse necessarie per supportarli efficacemente.
  • Inoltre, l’accesso all’istruzione inclusiva può essere limitato per molti bambini autistici a causa della mancanza di unità specializzate o di programmi scolastici inclusivi. Ad esempio, alcuni bambini con autismo possono trarre beneficio dall’iscrizione a unità specializzate, come le classi di educazione speciale, ma queste opzioni possono essere limitate a causa della capacità o delle risorse.
  • Infine, anche la sensibilizzazione e la comprensione dell’autismo nelle scuole può rappresentare una sfida importante. Ad esempio, gli insegnanti e il personale scolastico potrebbero non essere sufficientemente formati per comprendere le esigenze dei bambini autistici e adattare il loro approccio didattico di conseguenza. Questo può portare a difficoltà nell’interazione in classe e a una mancanza di supporto emotivo e accademico per i bambini autistici.

L’accesso a un’istruzione di qualità per i bambini autistici rimane quindi una sfida importante. È essenziale riconoscere queste sfide e attuare misure concrete per garantire che tutti i bambini, indipendentemente dalla loro diagnosi, abbiano accesso a un’istruzione inclusiva e di qualità.

Le cause dell’autismo

Le origini dell’autismo sono complesse e multifattoriali. Sebbene i fattori genetici siano spesso coinvolti, anche le influenze ambientali giocano un ruolo significativo nello sviluppo di questo disturbo. Ad esempio, alcuni studi hanno evidenziato il legame tra le carenze nutrizionali, come la mancanza di ferro, vitamine B9 e D, durante la gravidanza e l’aumento del rischio di autismo nel nascituro. Allo stesso modo, l’esposizione prenatale a determinati farmaci, come il paracetamolo e gli antibiotici, è stata associata a un aumento del rischio di autismo nei bambini.

Anche l’esposizione a prodotti tossici e pesticidi nell’ambiente può avere un ruolo nello sviluppo dell’autismo. Queste sostanze, presenti in molti aspetti della vita quotidiana, possono avere effetti dannosi sullo sviluppo del cervello e del sistema nervoso dei feti e dei bambini piccoli, aumentando il rischio di autismo.

È importante notare che la ricerca sui fattori di rischio per l’autismo è ancora in corso e che molti aspetti di questa condizione devono ancora essere compresi. Tuttavia, una migliore comprensione delle influenze genetiche e ambientali sull’autismo è essenziale per sviluppare strategie di prevenzione e intervento efficaci. Gli sforzi di ricerca in questo settore proseguono per comprendere e trattare meglio l’autismo.

Focus sulle difficoltà educative dei bambini con autismo

Ci sono molte ragioni per cui i bambini autistici non frequentano la scuola. Riflettori puntati su alcuni di loro!

 

 

Le difficoltà di apprendimento di un bambino autistico

 

Un bambino con autismo ha problemi ad adattarsi all’ambiente scolastico. I disturbi dello spettro autistico (ASD) influiscono sulla capacità del bambino di imparare bene a scuola. Questo rende la scuola un luogo complicato per i bambini con autismo, a patto che l’ambiente sia adattato alla loro disabilità. La scuola è un luogo in cui impariamo nuove conoscenze e abilità. Imparare a leggere ed esercitarsi a scrivere sono i compiti quotidiani degli insegnanti. Un bambino con difficoltà di apprendimento avrà difficoltà a tenere il passo. Inoltre, un bambino autistico avrebbe un QI più basso del normale. Di conseguenza, avranno difficoltà ad assimilare alcuni concetti.

 

Metodi di ricerca inadatti

È fondamentale riconoscere che i bambini con disturbi dello spettro autistico hanno esigenze educative specifiche che spesso non sono pienamente soddisfatte in un ambiente scolastico tradizionale. Possono imparare, ma hanno bisogno di metodi di insegnamento e di un ambiente adatti alle loro esigenze specifiche. Idealmente, questi bambini dovrebbero essere inseriti in scuole o centri specializzati che offrano programmi educativi personalizzati per soddisfare le loro esigenze specifiche.

In un ambiente adeguato, i bambini con autismo possono beneficiare di metodi di insegnamento che corrispondono al loro stile di apprendimento. Ad esempio, possono imparare in modo più efficace attraverso attività sensoriali, giochi strutturati o programmi visivi. Questi approcci didattici personalizzati sono essenziali affinché questi bambini possano sviluppare appieno il loro potenziale accademico e sociale.

Tuttavia, nonostante gli sforzi compiuti per fornire un’istruzione adattata ai bambini autistici, molte scuole tradizionali non sempre dispongono delle risorse o delle competenze necessarie per rispondere adeguatamente alle loro esigenze. È quindi importante che i genitori cerchino opzioni educative che offrano un supporto adeguato al proprio figlio, collaborando con gli educatori e gli operatori sanitari per sviluppare un piano educativo personalizzato.

 

 

Parliamo di difficoltà cognitive

Le sfide cognitive affrontate dai bambini dello spettro autistico possono comportare ostacoli significativi nella loro carriera scolastica. Queste difficoltà cognitive possono manifestarsi in modi diversi, come problemi di elaborazione delle informazioni, deficit di memoria o difficoltà di comprensione di concetti astratti. Ad esempio, un bambino con autismo può avere difficoltà ad afferrare istruzioni complesse impartite in classe o a memorizzare informazioni importanti per i compiti accademici.

Queste difficoltà cognitive possono anche avere un impatto sulla capacità del bambino di adattarsi alle richieste del programma scolastico standard. I bambini con autismo possono aver bisogno di più tempo per assimilare nuove informazioni o possono richiedere un approccio didattico differenziato per soddisfare le loro esigenze di apprendimento. Di conseguenza, possono sentirsi frustrati o scoraggiati in un ambiente scolastico tradizionale, dove le aspettative possono essere elevate e i metodi di insegnamento poco adatti alle loro esigenze specifiche.

Per superare queste sfide cognitive, è essenziale fornire un supporto educativo personalizzato e strategie didattiche adattate. Questo può includere tecniche come la visualizzazione, la semplificazione delle istruzioni, l’uso di ausili visivi o la ripetizione dei concetti chiave. Lavorando a stretto contatto con gli insegnanti e gli specialisti dell’educazione, i genitori possono contribuire a creare un ambiente di apprendimento inclusivo che favorisca il successo scolastico del loro figlio autistico.

Cosa si può fare per aiutare i bambini autistici?

 

Ad oggi non esiste una cura per l’autismo nei bambini. Ma l’assistenza scolastica è possibile.

Scuola in un centro specializzato

Il normale programma scolastico sembra essere difficile per tutti i bambini con autismo. In questo modo i genitori possono mandare ogni bambino in una scuola che corrisponda alle sue capacità di apprendimento. Si può fare una distinzione, ad esempio, tra l’istruzione scolastica in un ULIS. Questo acronimo si traduce in : Unité Localisée pour l’Inclusion Scolaire (Unità Localizzata per l’Inclusione Scolastica). Un’unità di questo tipo è destinata a creare un ambiente favorevole a un migliore apprendimento per ogni bambino con autismo. L’obiettivo è quello di permettere ai bambini di frequentare la scuola in base alla loro situazione. Se vuoi saperne di più su cos’è un corso ULIS e su cosa può fare per tuo figlio, dai un’occhiata all’articolo qui sotto.

 

bambini autistici che imparano

Utilizzare i giusti metodi di insegnamento

Nelle scuole primarie e secondarie si utilizzano determinati metodi di insegnamento. I bambini autistici possono essere aiutati se le tecniche di insegnamento tengono conto del loro livello cognitivo. In particolare, gli esperti salutano metodi di insegnamento come il metodo TEACCH e la tecnica ABA. Si tratta di metodi di insegnamento che fanno sorridere sia i bambini che i genitori.

Il primo si basa sulla strutturazione del lavoro dei bambini affetti da autismo. Per questo motivo gli specialisti la definiscono “educazione strutturata”. Il secondo metodo si concentra sulla rieducazione comportamentale.

L’uso di sistemi di comunicazione

 

I disturbi della comunicazione sono una delle caratteristiche più comuni dei bambini con autismo e rappresentano una sfida significativa per il loro sviluppo e la loro interazione sociale. A differenza dei bambini tipici che iniziano a sviluppare il linguaggio nella prima infanzia, i bambini con autismo possono avere ritardi o difficoltà nell’acquisizione e nell’uso del linguaggio verbale.

In un’età in cui i bambini tipici iniziano a pronunciare le prime parole e a formare frasi semplici, i bambini con autismo possono incontrare delle barriere nella loro capacità di comunicare verbalmente. Alcuni possono avere un vocabolario limitato, avere difficoltà a esprimere i propri bisogni e le proprie emozioni o addirittura essere completamente non verbali.

Le terapie del linguaggio e della comunicazione, come la logopedia, la terapia delle intercettazioni e la terapia dell’integrazione sensoriale, possono aiutare a rafforzare le capacità comunicative dei bambini con autismo e a migliorare la loro capacità di comprendere e utilizzare il linguaggio verbale.

Lavorando con professionisti specializzati nel campo della salute e dell’educazione, i genitori possono scoprire e mettere in atto strategie di comunicazione efficaci che soddisfino le esigenze specifiche del loro bambino con autismo, promuovendone lo sviluppo generale e il benessere emotivo.

 

Nuove tecnologie

 

Oggi gli strumenti di comunicazione sono onnipresenti in casa. Computer, tablet, smartphone… Sono tutti dispositivi intelligenti che possono essere utilizzati a favore dei bambini disabili. Per non parlare dei vantaggi di Internet in termini di comunicazione. Inoltre, sono stati sviluppati numerosi software per migliorare la comunicazione delle persone autistiche. I genitori non dovrebbero preoccuparsi di nulla. Esistono modi sicuri per incoraggiare i bambini autistici a lavorare.

 

 

COCO PENSA e COCO MUOVE, un’applicazione per aiutare i bambini autistici a scuola

Giochi educativi per supportare i bambini autistici da CP a CM2, con giochi adattati per aiutarli a lavorare su tutte le loro funzioni cognitive.

Impara a riconoscere le tue emozioni in COCO BOUGE

Una caratteristica molto importante per i bambini autistici

Nella nostra applicazione educativa COCO, potete anche imparare a riconoscere le vostre emozioni con il gioco “Mimo emozioni”, nella sezione COCO MOVES. Facendo clic sul punto interrogativo, si possono conoscere le diverse emozioni per riconoscerle meglio.

Questo gioco per mimare le emozioni è disponibile anche come pausa, ogni 15 minuti di schermo. Ogni 15 minuti, i bambini sono invitati a scegliere un’attività fisica per una pausa attiva. E potete anche mimare le emozioni di quel momento!

tablet-coco-sport-educazione-positiva-apprendimento-amore-genitorialità-bambini-felicità-attività-bambini-giochi educativi-controllo-genitoriale-dynseo
tablet-sorpresa-coco-movimenti-mimo-emozioni-comprensione-apprendimento-emozioni-sorpresa

LA SORPRESA

Sorpresa significa che si è sorpresi da un momento, da una persona o da un oggetto. Come un regalo inaspettato!

Quando si è sorpresi, si spalancano la bocca e gli occhi.

LA CONFUSIONE

La confusione è la perdita delle idee a causa di un evento, ad esempio. Si può sbagliare il nome di qualcuno o di qualcosa.

Per simulare la confusione, spalancate gli occhi, fate un grande “Hoo” con la bocca e alzate le sopracciglia.

ISPIRAZIONE

L’ispirazione è la capacità della nostra mente di immaginare e creare cose come disegni, poesie, storie.

Per trovare ispirazione, socchiudiamo gli occhi, ci grattiamo leggermente la testa con un sorriso e facciamo finta di dipingere, scrivere o disegnare.

emozione riconoscere le tue emozioni con COCO PENSA e COCO SI MUOVE

L’AFFETTO

Affetto significa essere toccati, avere pensieri positivi per un amico, un familiare o un animale domestico.

 

Qui si sorride, si pensa ai bei tempi, si abbraccia, si bacia, si dice a un amico che ci piace.

.

L’ENNUI

La noia è presente quando ci troviamo in una situazione che non ci interessa. Non si vuole ascoltare la persona che si ha davanti o non si vuole fare nulla.

Per la noia, soffiamo forte, guardiamo in alto e ci guardiamo intorno.

DOLORE

Il dolore è una sensazione spiacevole che può far male. Un incidente può causare danni fisici. Il dolore può anche essere una sensazione di mancanza di qualcuno o qualcosa o di tristezza.

Per esprimere il dolore si alzano le sopracciglia, si strizzano gli occhi e si fanno smorfie.

Scopri l’applicazione COCO PENSA e COCO MUOVE

cocoetcocosport-coco-app-bambini-educativi-educativi-bambini-ludici-culturali-giochi-applicazione-gioco-cerebrale-tablet-smartphone-

Accompagnare gli adulti con autismo

E PER MAGGIORI INFORMAZIONI

COCO, PER BAMBINI AUTISTICI

 

COCO è un programma adattato ai bambini autistici che offre una raccolta di giochi educativi e cognitivi. Livelli di difficoltà crescenti permettono ai bambini di progredire al proprio ritmo. È inoltre fondamentale fare una pausa sportiva ogni 15 minuti di schermo per evitare la dipendenza.

ACCOMPAGNARE UN BAMBINO AUTISTICO

In questa guida ti daremo consigli pratici su come aiutare un bambino con autismo e su come stimolarlo e creare un legame con lui. Consigli utili e quotidiani per facilitare la vita di chi assiste familiari e professionisti.

ROBERTO, PER GLI ADULTI AUTISTICI

Adattato agli adulti con autismo, il programma ROBERTO offre una serie di giochi per sviluppare le conoscenze, migliorare la concentrazione e rafforzare le capacità mentali. ROBERTO è stato progettato per essere accessibile a tutti, pur mantenendo un occhio di riguardo per la salute mentale.

SOSTENERE UN ADULTO CON AUTISMO

In questa guida ti diamo consigli pratici su come sostenere, stimolare e creare un legame con un adulto con autismo. Consigli utili e quotidiani per facilitare la vita di chi assiste familiari e professionisti. Esercizi per lavorare su tutti gli aspetti.

Altri articoli che potrebbero interessarvi: